Poesia di Alessandro Monticelli: Tocco il tuo corpo

Tocco il tuo corpo come fosse un braille
La pelle e i muscoli si stendono
Come fili d’erba nei campi quando il peso
Della neve si scioglie e va via.
Uniti in questa di-stanza
Le parole sono fulmini deboli
Gli sguardi quelli di figli bastardi
Nati dal seme di genitori
In viaggio su treni merci.
Con gentile indifferenza
Aspiriamo ad un certo tatto
Incassando i colpi da professionisti
E vivendo anche oggi un tipo
Di morte leggera che poi passa.
Mi siedo all’estremità del letto
Tra il mio corpo nudo e l’eleganza dei tuoi piedi.
Sicuro che l’amore è il segreto che mentre dormi
Una delle tue mani chiuse nasconde.
– Alessandro Monticelli

Dipinto di Jean Delville  (Belgio, 1867-1953)

Jean Delville (Belgian, 1867-1953).png
Annunci

Informazioni su Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Poesia, Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.