Utopie

La mente
partorisce talvolta
progetti poco fondati
che in breve tempo
risultano fragili
instabili chimere,
una sorta di castello
di carte appoggiate
a base precaria
che mosso da scossa
seppur lieve
crolla repente.
Non resta dunque
che raccoglierne
le tessere disperse
per ritentar l’impresa
o lasciar nell’oblìo
il sogno mancato.

Daniela,febbraio 2016

Artwork by Evgeny Gorokhovsky

Evgeny Gorokhovsky (Ukrainian, b. 1951), House of Cards, 1992

Autore: Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/ email: danycer@fastwebnet.it

5 pensieri riguardo “Utopie”

  1. castelli di carte, castelli di sabbia…ingegnerie dell’illusione…si è l’inganno della mente: ti fa concepire l’inconcepibile (bellezza tutta nostra) e poi ti dà la consapevolezza che tutto è vano (dannazione tutta nostra)…non ci resta che continuare ad inventare vie di bellezza, è comunque un esercizio che ci aiuta a sfidare il vento della realtà percepibile che butta via le nostre illusioni di carta, e noi, pazienti, come un bambino in riva al mare, lottiamo con la risacca che spazza via il nostro castello. Teniamo caro il momento magico in cui lo vediamo in piedi: cogliamo quel momento… Ciao daniela

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: