Le assurdità del mercato

Non solo è difficile consumare prodotti a km zero,ma neppure italiani, per leggi di mercato contorte e lontane da una politica economica decente…con le conseguenze che ne derivano nei vari aspetti. Alla qualità della merce,alla salute,alla disoccupazione,al mancato sfruttamento di risorse che già esistono non si pensa, interessa solo il tornaconto delle grandi distribuzioni…

 

http://www.internazionale.it/reportage/andrea-segre/2016/12/20/rosarno-aziende-agricole

Autore: Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/ email: danycer@fastwebnet.it

6 pensieri riguardo “Le assurdità del mercato”

  1. Nel nostro paesetto di campagna abbiamo due supermercati: molti prodotti vengono dall’estero: carni, agrumi, aglio e cipolle, inoltre, poiché non c’è concorrenza, impongono anche prodotti dei loro marchi e prezzi che aumentano di stagione in stagione. Pensa che alcuni prodotti arrivano addirittura dalla Nuova Zelanda, dalla California… : alla faccia del chilometro zero.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: