Eugenio Preta – Davanti a un grande giardino

Ad alta voce / En voz alta

Registrato nella primavera del  2013

Eugenio Preta
Davanti a un grande giardino ©
Lettura di Luigi Maria Corsanico
Jean-Philippe Rameau (1683 – 1764)
Les Boréades: Entrée de Polymnie.
-Les Musiciens du Louvre-
Marc Minkowski

Eppure, ritorna ancora dolce stagione
nella pioggia di confuso mattino,
dopo lunghi affanni della mente,
al rincorrere sussurri di sconfinato giardino.
Allora asciuga, leggero soffio,
la rugiada della notte
e velato sole disegna, dagli alberi,
catapulte di ombre,
e foglie che indovinano, su rami scarni,
il verde e su prati colorati,
mille sospetti di fiori.
Dalle pieghe di un cespuglio fugge allora curiosa allodola
e da lontano sentiero, sperduto passeggero trascina il suo passo solitario.
Ora nubi sfuggenti dalle tenebre,
grigie tracce disegnano nell’illimite del cielo,
già svanite tra lievi rugiade e smarrite fantasie
Così anticipa sopita stagione agli affanni,
negli indugi della luce che si allunga,
nelle arie di Pasqua incipiente,
nel viaggio infinito di…

View original post 411 altre parole

Annunci

Informazioni su Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Eugenio Preta – Davanti a un grande giardino

  1. vikibaum ha detto:

    gran pezzo davvero…tutto da godere…

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...