Melodia

Nella sala l’intensa aulenza
di talco e di violetta
mitiga qualche spiacevole sbuffo
di tabacco infestante,
il silenzio dell’ascolto
è interrotto dallo scricchiolìo
di qualche poltroncina
che cede al peso o al tempo,
le note suonate al pianoforte
fan sognare cuori inteneriti
che fantasticano piacevolmente
su un più intimo altrove,
ove la dolcezza musicale
è complice e discreto paravento
a calde  estasi amorose.
L’applauso spegne la visione
ma non il desiderio generato,
il mormorio di voci in confusione
reca altro tedio al sogno evaporato.

Daniela Cerrato, 2017

Eugène Delacroix, “L’innamorata al piano” , disegno, pennello e acquerello

Eugène Delacroix, L'innamorata al piano, disegno, pennello e acquerello

Annunci

Informazioni su Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Poesia, Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

46 risposte a Melodia

  1. Mi sento….tratta in melodica causa😃

    Liked by 1 persona

  2. RossaSciamana ha detto:

    Mi piace molto il tuo spazio e colgo l’occasione per dirti che c’è una nomina per te nel mio blog: https://sciamanarossa.wordpress.com/

    Liked by 1 persona

  3. Menti Vagabonde ha detto:

    Brava! Eravamo anche noi lì!

    Liked by 1 persona

  4. Franz ha detto:

    insisto: devi farne un volumetto di questi specula tra versi e immagini… deliziosa.

    Liked by 1 persona

  5. marzia ha detto:

    Con questa ti sei superata…e mi piacerebbe tanto confezionarti un nuovo montaggio, ispirata dall’ambientazione ottocentesca..
    🙂

    Liked by 1 persona

  6. Daniela ha detto:

    hai creato uno splendido montaggio, sono sbalordita dalla velocità con cui sei riuscita a scovare immagini così adeguate per un insieme ben riuscito… sei bravissima e mi hai fatto un gran regalo.
    Un bacio grandissimo! ❤
    Daniela

    Mi piace

  7. LuxOr ha detto:

    Complimenti. Una poesia notevole. Sei riuscita in pochi versi a creare una situazione, a dare vita a un ambiente. Mi sembra di sentire l’odore del talco e della violetta che coprono in parte l’odore acre del tabacco. Vedo soprattutto le signore un po’ disturbate dal fumo, truccate e profumate mentre si preparano all’ascolto. La sala respira all’unisono, qualcuno si muove sulla sedia che scricchiola, ma tutti ascoltano in silenzio fino all’applauso. E’ un mondo che prende vita, come una piéce. Mi sono trovato nel pubblico. Una grande emozione!

    Liked by 1 persona

  8. Gerry Gherardi ha detto:

    Non ho capito se la poesia sia tua. Molto bella.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...