Estatiche azzurrità

Ci sono azzurrità che confondono
poichè si uniscono, si fondono
in una sorta di osmosi,
tanto che non è certo
ove stia l’una o l’altra materia.
Nella catarsi  entro cui
esse ti avvolgono,
ti perdi e poco importa
se volerai in mare
o ti tufferai nel cielo.
Le immensità danno pace,
liberano e anestetizzano
l’acuità dei dolori,
e tu, rapito di fronte
alla vastità, come quella
delle desertiche dune,
ti ritrovi granello sparso
tra tanti altri di siffatta
vita, e l’appartenenza ad aria
acqua e terra è tal meraviglia
ch’anche il fuoco non ti fa paura.

Daniela Cerrato, 2017

beach-1846694_960_720

 

Annunci

“La morte non è niente, niente l’inverno ” di Alberto Valli Fassi von Karuck Soheve

(guardando le Pleiadi innamorate)

è lì che si amministra questa parte del cosmo.
A sud e Più a Sud Ancora così è chiamata ed è lì
che si riunisce il Gran Consiglio ogni due o tre milioni
di anni.

succede che si faccia qualche stringata considerazione
sull’andamento delle cose nel nostro piccolo pianeta.
il maestro giocoliere che sta a capotavola impartisce
sempre gli stessi ordini: inviare messaggi ambigui
e tener vivo il mito dell’evoluzione.

a ben guardare la cosa gli è sfuggita di mano se il mito
cui tiene tanto non è più che un relitto incagliato.
nemmeno i suoi messaggeri più bugiardi possono
rimetterlo in sesto…

Alberto Valli Fassi von Karuck Soheve, da ” Alle nostre deboli tracce”,
Dai testi 1990-2012, Edizioni Archinto

Rai – Il disastro nel disastro (27). Il caso dello stipendio stellare al fabbricatore seriale di marchette inutili, o di un altro sputo in faccia agli operai e all’impegno intellettuale. E che culo: Fazio resta in Rai!

2.800.000 di Euro all’anno…dovrebbe vergognarsi di apparire pubblicamente e fingere compassione per situazioni che nemmeno lontanamente riuscirebbe a comprendere. Zavorra inutile di una tv sempre meno specchio della condizione del Paese.