Estatiche azzurrità

Ci sono azzurrità che confondono
poichè si uniscono, si fondono
in una sorta di osmosi,
tanto che non è certo
ove stia l’una o l’altra materia.
Nella catarsi  entro cui
esse ti avvolgono,
ti perdi e poco importa
se volerai in mare
o ti tufferai nel cielo.
Le immensità danno pace,
liberano e anestetizzano
l’acuità dei dolori,
e tu, rapito di fronte
alla vastità, come quella
delle desertiche dune,
ti ritrovi granello sparso
tra tanti altri di siffatta
vita, e l’appartenenza ad aria
acqua e terra è tal meraviglia
ch’anche il fuoco non ti fa paura.

Daniela Cerrato, 2017

beach-1846694_960_720

 

Annunci

Informazioni su Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Poesia, Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Estatiche azzurrità

  1. Franz ha detto:

    Il fuoco è, anzi, lo pneuma, l’anima che che s’esaltà in crepitio immergendosi tra gli elementi… adoro questo tipo di componimenti “cosmici” 🙂

    Liked by 1 persona

  2. vikibaum ha detto:

    l’azzurro per me è il colore dell’infinito e quando cielo e mare si fondono…allora è la sicurezza di sentirsi un tutt’uno con l’universo…ti ho “sentita” così dani, bella poe…

    Liked by 1 persona

  3. LuxOr ha detto:

    Bellissima. Mi ricorda una poesia di Rimbaud.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...