Spensi le luci

Il battello aveva acquistato velocità, seguendo la rotta abituale, ma la mia mente era già oltre la meta di tutti i naviganti, me compresa, che invece di osservare la bellezza
degli storici palazzi lungo il fiume, tormentata da un malessere continuo, mi domandavo cosa facessi lì, proprio lì, in compagnia di qualcuno che improvvisamente era divenuto estraneo al mio mondo.
L’afa aumentava il disagio, tanto che a breve anche le idee si sciolsero;  osservando lo spostamento dell’acqua e  i suoi mulinelli,  anche i pensieri iniziarono nuovamente a muoversi e a galleggiare, su quella schiuma sporca e viscida, come le ombre che ripresero a tormentarmi quando posi nuovamente i piedi  a terra. Il saluto freddo che ci riservammo fu l’ultima nota di una triste canzone.
Da quel momento spensi per sempre le luci su quell’insulso amore.

Daniela Cerrato,   2004.

Annunci

Informazioni su Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Racconto breve, Senza categoria e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Spensi le luci

  1. Franz ha detto:

    come l’acqua che scorre scriveva la
    Yourcenar… un bacio tenero e partecipato dany :*

    Liked by 1 persona

  2. vikibaum ha detto:

    nulla è più triste della fine di un amore che vela ai tuoi occhi anche la Bellezza…bacione dani

    Liked by 1 persona

  3. Neda ha detto:

    Come un amore che muore, fra due lenzuola, una notte, per caso.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...