“Gli amori carnali di Faulkner”, articolo di Marco Missiroli- dal blog minimaetmoralia

http://www.minimaetmoralia.it/wp/gli-amori-carnali-di-faulkner/

Annunci

La Collezione Cavallini-Sgarbi ritorna a Ferrara con opere inedite

INTERNETTUALE

Un omaggio alla natia Ferrara, quello di Elisabetta e Vittorio Sgarbi, che portano oltre cento opere della propria collezione, Cavallini-Sgarbi, della madre Caterina Cavallini, in quello che forse è il luogo più rappresentativo della città, il Castello Estense, patria della cultura italiana.

La mostra animerà dal prossimo 3 febbraio al 3 giugno 2018 le quattordici stanze del castello, da Niccolò dell’Arca a Gaetano Previati, attraversando secoli di storia dell’arte, regioni, artisti.

Una selezione delle oltre 4000 opere d’arte della collezione, molte delle quali mai esposte al pubblico, e che qui debuttano per la prima volta. Opere inedite che si rivolgono con particolare attenzione proprio agli artisti ferraresi ed emiliani: «Un dono alla mia famiglia – in particolare a mio fratello Vittorio e a mia madre, Caterina Cavallini, senza tralasciare i silenzi compiaciuti di mio padre Giuseppe, scrittore – una famiglia che ha consacrato una vita…

View original post 79 altre parole

Nell’abissale placenta

Ricorrente è il desiderio d’essere una creatura marina, appartenere a quel
mondo fiabesco che sta al di sotto della superficie in cui l’uomo galleggia con corpo e pensieri. Vorrei l’acqua come mio elemento vitale e assorbirne tutta l’energia, estasiarmi per il grande stupore di spaziare in quell’immenso caledoscopio vivente, un mondo dai mille colori e forme che danzano e fluttuano in splendide coreografie dirette dalla corrente, costellato di minuscoli microrganismi, occhietti insabbiati in un mimetismo straordinario. E fra tante stranezze di subacquea natura accorgermi che nulla conoscevo ancora di tanto entusiasmante da non desiderare più ali per librarmi in cielo, non voler vedere neppure la Terra da una lontata prospettiva ma, nel suo abissale placentato grembo, essere sensorialmente più vicina al suo cuore infuocato e pulsante.

– Daniela Cerrato, 2017

Illustrazione di George Barbier

by George Barbier

Il canto del fiume – di Italo Bonassi

IL CANTO DEL FIUME

Il silenzio cantato dalle roste
alte del fiume era il mio silenzio,
suono prodigio dell’Adige in piena.
E mia era la sua voce, mio il vento
dai bagliori vocali, come sillabe
di un murmure verdissimo di foglie.

Anima mia, tremante batticuore
delle mie labbra, gioia e struggimento
pregnante di parole non parlate,
sei la mia sepolta meraviglia,
sei la blandizie al mio cuore arso.

Italo Bonassi
da https://italobonassi.wordpress.com/