come radici marcite

L’occhio prende luce e scruta
dall’apice di una scala elicoidale
l’umana discesa, più o meno controvoglia,
verso tenebre di profondità ignota, talpa
cieca che scava nel sottosuolo
il percorso verso il vuoto di vita.
Non s’avverte fiato d’onnipotenza,
gli antichi dei sono tra rovine
di templi sgretolati da calamità
travestite da glorie, l’avidità
non cede all’umiltà di gustare vita,
fino all’ultimo salto è un abbuffo
smodato che miete divari e ingiustizie.
Ma le ossa dei presunti vincenti
giaceranno come tutte, indistintamente
destinate a decomporsi, forse per prime,

come radici marcite per troppa acqua.
– Daniela Cerrato

Annunci

Autore: Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/ email: danycer@fastwebnet.it

5 pensieri riguardo “come radici marcite”

  1. è proprio vero, nessuno di noi potrà essere onnipotente, destinati a ritornare nella polvere che ci ha generati; per questo dobbiamo capire di conservare la bellezza che ci circonda, e non dominarci a vicenda uccidendoci a sua volta. Alla fine altra polvere ci ricoprirà.
    Molto bella…

    Piace a 1 persona

  2. Sento profondamente tutto questo. Sento il dolore che molti non sentono, non solo il mio ma quello del respiro di una miriade di cuori (anche di quelli che credono di non sentire) perché sento la polvere che saremo. Sono molto scosso e allo stesso tempo sereno. Versi di grande spessore.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.