fiere d’estate

Lo stacco di stagione riesuma codici d’amore,
specchiate lenti riflettono bicipiti tatuati
bordi piscina scogli sabbie  e un denso afrore
è rumine stramasticato, consuetudine indigesta
unta adunata da mal di testa che rifiuto
come il sole che cuoce selvaggina spiumata.
Si respira meglio fuori dai giochi adulti
l’imprevisto di una muta meraviglia,
la nudità non rintocca al miracolo
lo sguardo scivola senza cogliere differenza
da altri stimoli s’abbevera la mia sete,
introvabili in orgiastica abbondanza.
Scanso la folla, la fiera d’estate conformata
al cocco fresco, a telo e borsa insabbiata,
al chiasso feroce, al solleone che brucia
e pregusto d’autunno la preferita cornice
quando del mare riesco a udire ciò che mi dice.

– Daniela Cerrato

Annunci

Autore: Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/ email: danycer@fastwebnet.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.