una città mai sazia

Mania di cibo, sagre, street food
saziarsi di appetiti altrui
riempire gli occhi di tavole
imbandite con microporzioni
da fame a dieci euro, trippa
costate e ceci, polenta taragna
è un magna magna per strade
trasformate in pignatte dove
a pochi metri spurgano marmitte,
nessuno più conosce il sapore
di casa e come si cuoce un uovo
al tegamino. Avanti così a spuntini
fingerfood, crostini, assaggio di vini,
per dir io c’ero a mangiar forestiero
nella città in cui vivo. E non sapere
chi fu Davide Lajolo o Gandolfino Da Roreto
ma vuoi mettere, in fin di serata ho ruttato
sotto la statua di Toju, in arte l’Alfieri
ha scritto qualcosa…si va beh, era ieri…

– Daniela Cerrato

Autore: Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/ email: danycer@fastwebnet.it

8 pensieri riguardo “una città mai sazia”

  1. Proprio così è stata ridotta la mia città che una volta amavo profondamente e che adesso non riconosco più. La amo ancora, sì… ma…insomma non è più una città. Troppo turismo, troppi soldi e ogni giorno scompaiono laboratori artigianali, negozi storici e aprono fast food trattorie che sfornano cibi riadattati al gusto d’oltre oceano ma che non sono le pietanze vere, che definiscono la cultura di un luogo.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.