Giuseppe Ferlendis (1755-1802) Oboe Concerto in F-major

FERLENDIS, Giuseppe. – Secondo G. Donati Petteni il cognome in origine sarebbe stato Berlendis. Nacque a Bergamo nel 1755, probabilmente figlio di un musicista di cui non si hanno altre notizie. Virtuoso di oboe e corno inglese, non si hanno a tutt’oggi notizie riguardanti la sua formazione musicale, e scarsi sono, inoltre, i dati biografici, soprattutto quelli inerenti al periodo giovanile. Di certo il F. ancora giovane riuscì a conquistarsi una certa fama come musicista, attestata dai concerti che tenne in teatri e città di una certa importanza. Sappiamo con certezza che con un suo fratello (si tratta, forse, di Antonio suonatore di flauto e corno inglese) si esibì in un concerto per mandolino, flauto ed oboe al teatro Carignano di Torino il 31 maggio 1776. Il successo non deve essere mancato visto che essi vennero richiamati per un altro concerto tre anni dopo (23 luglio 1779).

Successivamente, il F. fu a Firenze in un concerto che lo vide interprete di musiche sia per oboe sia per corno inglese. In quella occasione riscosse gran successo e molti consensi soprattutto come esecutore di quest’ultimo strumento, tanto che il concerto fu replicato qualche giorno dopo (Barblan, p. 269).

Il 1º apr. 1777 fu nominato dall’arcivescovo di Salisburgo Girolamo Colloredo oboista della cappella musicale, con lo stipendio di ben 540 fiorini (Mozart allora ne percepiva solamente 500). Durante il periodo trascorso a Salisburgo il F. si conquistò la stima di Mozart, che per lui compose allora un concerto per oboe e orchestra purtroppo andato perduto.

Alcuni studiosi come L. Koechel e B. Paumgartner, ritengono che il concerto sia stato successivamente trascritto da Mozart che lo avrebbe trasformato in un concerto per flauto (K 314). Al padre Leopold, Mozart fece sapere (lettera del 14 febbr. 1778; cfr. Bauer-Deutsch) che il flautista H. de Jean gli aveva commissionato due concerti e tre quartetti; secondo gli studiosi sopra citati, il musicista si sarebbe ad un certo momento trovato in difficoltà per il tempo di consegna, e, vistosi alle strette, sarebbe ricorso al concerto composto per il Ferlendis. Questo sarebbe, quindi, da lui stato trasportato da do maggiore a re maggiore, e naturalmente anche modificato in alcune parti per essere adattato al nuovo strumento.

Durante il periodo trascorso a Salisburgo il F. si dedicò anche al perfezionamento del corno inglese, strumento a cui aveva rivolto il proprio interesse ancor prima di arrivare in questa città, e che gli aveva, inoltre, permesso di riscuotere un buon successo nel già citato concerto tenuto a Firenze. Non sappiamo se il perfezionamento riguardò la fattura o la tecnica dello strumento. Certo è che oltre ad aver brillato come virtuoso di oboe, il F. riuscì altrettanto bene anche in questo Strumento, all’epoca poco conosciuto. Successivamente con il corno inglese farà presa anche sul pubblico veneziano durante l’esecuzione del Demofoonte di A. Prati, rappresentato nel carnevale 1787 al teatro S. Benedetto. Michael Haydn fu un ammiratore delle sue qualità di virtuoso del corno inglese, tanto che per lui nel 1785 compose un quartetto in cui a questo strumento è affidata la parte principale (Saint-Foix). Sempre secondo il Saint-Foix il F. sarebbe stato l’ispiratore di una composizione mozartiana, l’Adagioin do per corno inglese, due violini e violoncello KV suppl. 94.

Temperamento irrequieto, il F. preferì sempre una vita errabonda piuttosto che la tranquillità di un posto fisso: neanche un anno dopo il suo arrivo a Salisburgo, chiese all’arcivescovo il permesso di recarsi a Vienna per poter guadagnare qualcosa di più, visto che riteneva il suo stipendio non sufficiente per sopravvivere (lettera scritta da Leopold Mozàrt al figlio il 1º nov. 1777; cfr. Bauer-Deutsch). Tale richiesta, azzardata per l’ambiente musicale salisburghese, non venne accolta vista la severità della corte nel concedere questi permessi. In quello stesso periodo fu, fra l’altro, anche vittima di un grave incidente di caccia che lo costrinse all’immobilità per vario tempo.

Alla fine di giugno del 1778 si dimise dal suo incarico alla corte di SaliSburgo, adducendo come motivo il fatto che l’aria del posto non era adatta alla salute della moglie. La decisione sorprese molto Leopold Mozart (lettera scritta al figlio Wolfgang A. il 3 ag. 1778) che aveva notato il favore di cui il F. godeva a corte, soprattutto presso lo stesso arcivescovo il quale gli elargiva un compenso particolare ogni qualvolta si esibiva come solista. S. Martinotti è, invece, dell’avviso che la causa della improvvisa partenza fosse l’antagonismo che sarebbe nato con il famoso e bravissimo oboista Carlo Besozzi, che, di passaggio in questa città aveva riscosso grande successo con due suoi concerti e da cui sembra lo stesso F. avesse imparato molto.

Il F. partì quindi alla volta di Brescia, e poi di Venezia dove dal 1780 al 1781 fu primo oboe dell’orchestra del teatro S. Samuele ed in seguito (1787) del teatro S. Benedetto. Forse dietro invito del contrabassista D. Dragonetti si recò nel 1793 a Londra; qui, il 4 maggio 1795, partecipò al concerto organizzato in onore di F. J. Haydn che in quell’anno abbandonava definitivamente l’Inghilterra. Il F., che in quella occasione interpretò un concerto di sua composizione, non riuscì a fare buona impressione su Haydn, Ciò era, forse, da addurre all’età ed al logorio provocato dalla vita errabonda e movimentata che il musicista andava conducendo da vari anni.

Nel 1802 si stabilì, insieme col figlio Alessandro, a Lisbona, città in cui mori molto probabilmente nello stesso anno. (Fonte:Treccani)

Autore: Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/ email: danycer@fastwebnet.it

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.