orizzonti

avremmo comunque ali sfatte
dall’indolenza, rattrappite
da cadaverica apatìa, un urlo
disperato ricacciato in gola
merita liberazione, alziamo teste
e dorsi curvi, solleviamo braccia
il volo di Icaro sia spinta
irragionevole verso un rosso
acceso sdoganato dal tramonto,
meno letale di questa palude
in cui non tornerà mai il sole,
dove l’anima pian piano muore
senza aver marcato sua presenza

– Daniela Cerrato

Icarus, Odilon RedonIcarus, Odilon Redon.jpg

Autore: Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/ email: danycer@fastwebnet.it

16 pensieri riguardo “orizzonti”

      1. non è semplice scegliere una direzione quando si sta troppo tempo immobili, inizialmente l’essenziale è rendersi conto che non ci si svincola diversamente dalla stigia se non con fortissima determinazione

        Piace a 2 people

  1. Sì, sentito vivida la mia rabbia priva di direzione che si sprigiona contro bersagli incolpevoli. Il problema, la difficoltà è dirigerla. Si tratta forse di spiegare nuovamente le ali e volare alto, alto.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.