poesie di Erri De Luca

Leggende

Le tre caravelle erano due,
la Santa Maria era della categoria detta «caracca».
Sancho Panza non era un grassone,
soffriva di appetito smisurato, antico,
ma era tozzo, non doppio.
Giuseppe era un ragazzo quando sposò Maria,
nessun vangelo scrive ch’era anziano.
E Sansone non è l’ingenuo atleta
che straparla con Delilà e si fa depilare:
quei due si sono amati piú di Romeo e Giulietta.
Il tempo non è cenere di lava
che ricopre Pompei e la custodisce,
il tempo è un guastatore.
Allora restauro leggende.


Salgo alle montagne

Salgo alle montagne, do le spalle al resto.
Sbuffo fiato alla roccia e scaldo il vuoto.
Non mi avvicino a niente,
il cielo non si scala.
Salgo alle montagne a starmene lontano,
raggiungere un confine e ritornare,
allenamento da contrabbandiere.

Politica del sole

Ho visto il sole dentro una pozzanghera,
e ricordo di quando calava
dentro lo scavo della fognatura.
S’infilava nel fondo, nel cunicolo,
a scaldare la schiena al manovale.
L’ho visto carezzare orbite ai ciechi,
lisciare il bianco ai vecchi,
disinfettare l’ombra ai marciapiedi,
illuminare il nero delle vedove,
stare coi prigionieri all’ora d’aria,
sfondare il tetto di nuvole e di pioggia
e fare un tuffo nell’arcobaleno,
sole, compagno anarchico del mondo,
luce del giorno in corso e non dell’avvenire.

Poesie tratte da “Bizzarrie della provvidenza” di Erri De Luca, Ed.Einaudi 2014

Autore: Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/ email: danycer@fastwebnet.it

4 pensieri riguardo “poesie di Erri De Luca”

  1. Sempre adorato smontare le vecchie credenze. Su Colombo ad esempio si crede che al tempo di credesse che la terra fosse piatta e lui lottasse contro tale convinzione. Invece non era così! Lo sapevano tutti. Financo Dante fa entrare il suo personaggio all’inferno e scende scende per riuscire dalla parte opposta dove l’attende l’altre stelle! A parte ciò prima o poi mi devo decidere a leggermi qualcosa di De Luca

    Piace a 1 persona

    1. te lo consiglio, non solo perchè sa scrivere molto bene con uno stile sobrio e diretto, I suoi racconti invitano gli occhi a vedere, le orecchie ad ascoltare in maniera diversa. Mi è capitato più di una volta di rileggerlo daccapo per bisogno impellente. Ciao

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.