reblog: PREPARARSI AL PEGGIO [di Federico Petroni]

Brescia Anticapitalista

Nel corso del fine settimana, la diffusione del coronavirus ha messo Stati Uniti e Germania sotto enorme pressione, sia pure per motivi diversi.

La prima potenza del pianeta ha dovuto riconoscere che i contagi stanno aumentando esponenzialmente sulle coste, fino a spingere i governatori degli Stati più colpiti a ordinare a 100 milioni di americani di restare nelle proprie case. Intanto, a Washington il Senato non è riuscito adapprovaremisure di sostegno all’economia senza precedenti: 2 mila miliardi di dollari. La ragione non è trascurabile: il piano dei repubblicani non prevedeva controlli, non impediva ai datori di lavoro destinatari di licenziare i dipendenti ed era rivolto più alle grandi aziende che ai singoli lavoratori.

Anche la prima potenza d’Europa è stata alle prese con misure finanziarie epocali: il governo ha proposto di ignorareil divieto costituzionaledi un deficit di bilancio, indebitandosi di 150 miliardi di euro.

Perché conta:L’emergenza pone Usa e…

View original post 307 altre parole

Autore: Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/ email: danycer@fastwebnet.it

6 pensieri riguardo “reblog: PREPARARSI AL PEGGIO [di Federico Petroni]”

    1. inizialmente hanno portato la gente al panico e ora a riprendere ogni attività quotidiana precedente al covid con modalità che ognuno si disegna a proprio piacere e comodità. Non bisogna abbassare il livello di protezione igienica basilare, invece da quanto osservo è subentrato un largo menefreghismo. vedremo dove ci porterà

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.