poesia con dipinto, di Tonino Milite

Clandestini


Tornava
a notte fonda,
poi la più bella del reame
si sfilava tutti i panni
e si esponeva alla finestra,
dai fianchi in su,
sperando
nelle fresche carezze
degli zeffiri occidentali.
A quell’invito
crescevano sulle Mura
le correnti
e lo stormire dei platani.
All’improvviso nelle case
sbattevano porte e finestre.
Non più di cinquanta metri,
in linea d’aria,
distava
quella meraviglia
dalla torretta in cui
silenzio e oscurità
erano le regole per noi,
pubblico clandestino
soffocato dai desideri inespressi.
Non seppe mai
dei tramezzini
e delle cassette di birra
consumate nella sua attesa
e in suo onore.

Tonino Milite

il pittore e poeta Tonino Milite ( 1942-2015) formatosi all’accademia di Brera è stato allievo del designer Bruno Munari, ed è diventato famoso per aver ideato la bandiera Arcobaleno, divenuto simbolo del movimento pacifista. Le sue poesie sono state pubblicate da Mondadori in tre raccolte. Tonino Milite è stato il marito di Gemma Capra Calabresi vedova del commissario Luigi Calabresi che sposò nel 1984 facendo da padre ai figli del commissario ucciso, tra cui il giornalista Mario Calabresi.

Autore: Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/ email: danycer@fastwebnet.it

6 pensieri riguardo “poesia con dipinto, di Tonino Milite”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.