de-generazione

Spenta la sigaretta
la perpetua sfida contabile
coi conti che mai tornano
tirate le somme.
Giri di vite insufficienti
a fissare stabilità,
nuoce ogni risveglio avverso
di unghie allergiche a realtà
sempre alla ricerca
del nuovo smalto da comprare
per non apparire vecchia
anche se giovane. Riaccese
le volute di fumo, ordinanza
di uno stato ansiogeno,
le pareti contengono fiele
densità di parole non dette.
Le difficoltà lasciate
sotto uno strato di sabbia,
un mare a tiro di tentazione.
In casa la cecità del cuore
non si accorge di un uomo
nato padre già di se stesso,
anima stanca senza bastone
per vecchiaia prossima ventura.

Daniela Cerrato

Trasfigurazione di uno spazio reale, opera di Marco Coppola

Autore: Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/ email: danycer@fastwebnet.it

9 pensieri riguardo “de-generazione”

    1. da quanto vedo e sento le nuove generazioni vivono dentro un loro mondo esclusivo e chiuso, non si preoccupano del tessuto famigliare; forse perchè per comportamento i nonni somigliano sempre più a genitori e i genitori a fratelli maggiori, E viene a mancare sia il rispetto che il sostegno, necessari per i rapporti di interscambio più importanti. Grazie Carlo, buon inizio settimana

      Piace a 1 persona

      1. ma sai cosa mi sono immaginato?
        Il grigiore della quotidianità visto da una donna disillusa che cerca di tirare avanti la baracca familiare e che vede il compagno (di cui è innamorata) sempre col cuore e non come è nella realtà, ossia una persona nata vecchia (padre di se stesso) che sta invecchiando veramente.
        Vedi, quel che si scrive, una volta pubblicato non ci appartiene più, perché ognuno se ne appropria secondo l’interpretazione che ne da.
        Creiamo cose e gli doniamo la vita. Un po’ come i figli nella realtà.

        Piace a 1 persona

      2. si scrive con una propria visione della vita che non è la stessa di chi legge. La poesia ha la particolarità di essere riplasmata come creta dal lettore che la adatta al proprio intendimento a volte anche del momento. In ogni caso ciò che conta è che lasci un messaggio su cui riflettere, ed è già qualcosa

        "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.