Boris Izrailevich Anisfeld (1878-1973)

Boris Izrailevich Anisfeld nacque il 2 ottobre 1878 a Bieltsy , in Bessarabia, governatorato dell’ Impero russo (l’attuale Moldavia ) e visse in famiglia fino a diciassette anni, imparando tedesco, francese e a suonare il violino. Ma la passione per il disegno lo portò a Odessa, dove alla scuola di disegno studiò con K. K. Kostandi, a quel tempo il principale insegnante di ritratti e di pittura figurativa e membro del movimento artistico realista . Nel 1900 entrò all’ Accademia Imperiale delle Arti di San Pietroburgo; il suo primo maestro fu P. O. Kovalevsky, poi prese lezioni da I. A. Repin, assistente di N. Kardovsky. Nel 1904 il Consiglio Accademico decise di dare ad Anisfeld un finanziamento così trascorse l’estate a trarre insegnamenti e ispirazioni viaggiando per la Russia.

Autoritratto, 1910

Nel 1905 entrò in un circolo di artisti vicini al Gruppo “Mondo dell’Arte” e iniziò a fare illustrazioni per alcune riviste satiriche.
L’anno seguente Anisfeld soggiornò due mesi a Parigi e per la prima volta partecipò a mostre dell’Unione degli Artisti russi, a Mosca e a San Pietroburgo. Uno dei suoi acquerelli, “Fiori”, venne acquisito dalla Galleria Tretyakov . Insieme con L. Bakst e M. Dobushinsky insegnò alla scuola d’arte A. Zvansteva. Finiti i corsi alla Scuola d’arte dell’accademia imperiale gli venne concesso un anno per dedicarsi ai suoi studi di pittura. Dando una svolta alla sua arte intraprese a disegnare scenografie per il teatro.
Si dedicò poi al disegno per costumi teatrali; nel 1915 diventò membro della Società Ebraica per l’Incoraggiamento delle Arti, e partecipò a una serie di aste di beneficenza per il sostegno degli artisti bisognosi e di altri gruppi sociali.

Flowers
Circus

Nel 1918 arrivò a New York con una lettera di raccomandazione da parte di V. D. Nabokov, e già nel 1919 firmò un contratto con la Kingore Gallery di New York; disegnò scene e costumi per le rappresentazioni di opere di noti autori, tra cui Sergei Prokofiev e Rimsky-Korsakov; il successo ottenuto gli permise di diventare cittadino americano nel 1926. Nel 1928 si trasferì a Chicago dove insegnò all’Istituto d’arte, ma dal 1933, anche in seguito al suicidio della moglie, perse ispirazione ed entusiasmo e il suo nome venne obliato, fino al 1958, quando l’Istituto d’Arte organizzò una mostra antologica delle sue opere su insistenza dei suoi ex studenti. Il nome di Anisfeld resuscitò così dall’oblio, il New York Times pubblicò un articolo e una breve nota biografica su di lui.

Anisfeld, scene per Blue bird
design for Mermaids in Sea Kingdom scene by Boris Anisfeld for Sadko, 1911
scena per Turandot

Anisfeld morì a New London, nel Connecticut, nel 1973

Autore: Daniela

https://ilmondodibabajaga.wordpress.com/ email: danycer@fastwebnet.it

2 pensieri riguardo “Boris Izrailevich Anisfeld (1878-1973)”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: