un istante poi il nulla

Un boato e si offuscano prato e fiori.
L’attimo si fa nero fumo
inghiotte l’ultimo respiro.
Istante sordo
timpano deflagrato
corpo disperso

ma ecco di nuovo il cielo
essenza che aleggia in aria…
il silenzio è spazio infinito.
Un boato e ora tutto è Cielo.

(eppure c’erano dei fiori bianchi

cresciuti da poco in giardino…)

Daniela Cerrato

immagine: elaborazione personale

poesie di Aida Elena Parraga

Ho conosciuto il segreto del fuoco
molto prima che si incendiasse
la prima foresta.
Ancora prima di quel rogo,
prima della fiamma.
Come ogni scoperta
avvenne per caso,
incontrare la scintilla nella tua parola,
e poi , ahimè
divampare
allo sfiorarmi casuale del tuo sguardo.

***

Ho deciso di accettare il tuo invito
e ti aspetto all’angolo di qualche verso.
Qui, dove la poesia si fuma l’ultima sigaretta
e la notte con i tacchi alti le dà un bacio.
Il posto dove iniziano gli assalti,
rapine perpetrate contro l’anima.
L’angolo dove bruciano le tue vocali
e le mie gonne conoscono le tue risposte,
l’unico punto in tutto l’universo
dove sempre la colpa è del caso.

***

Nudo

Sei nudo,
come il primo albero,
come l’acqua,
come il cielo
che riesce solo ad arrossire.
Nudo,
un crescere di pelle
e di profumi
come il gelsomino all’alba
che prepara i suoi petali all’abbraccio
Alla resa
Alla conquista.
Nudo
(più nudo che nel ventre miracoloso
perché mi guardi negli occhi)
mostrandomi le tue cicatrici
i tuoi tempi
le tue paure.
Mostrandomi il tuo corpo
prestandolo alle mie labbra
che ne mordono i desideri
Nudo,
ansioso di reinventare l’inventato,
perché la tua nudità si vesta con la mia,
perché si mischi la cannella del tuo sesso
con le mie ciotole di menta e camomilla.

__________________________

Aída Elena Párraga è nata a San Salvador il 7 agosto 1966. Sin da piccola era incline alla lettura e alle lettere seguendo quelle scelte dal padre. Anni dopo si è avventurata nel teatro e si è unita a un progetto di danza chiamato El Popol Vuh, uno spettacolo che rappresentava El Salvador al festival di Bogotá ed era diretto da Mario Peña . Ha fatto parte dello stabile della Compagnia Teatrale “Amleto” del suo paese e del gruppo poetico “Poesía y Más…” composto da: Claudia Herodier , María Cristina Orantes e Maura Echeverría , sviluppando una ventina di recital di poesia drammatizzata. È stata editorialista permanente per il “Supplemento letterario 3000” e del quotidiano serale Co-Latino. Si è recata in Cina nel 1997 per motivi di lavoro, ha visitato anche altri paesi come Cambogia , Vietnam e Beijín , tornando a El Salvador nel 1999 senza trascurare la sua opera letteraria, infatti è di quel periodo il suo libro: “Letralia”.

Aida Elena Parraga