acrostico avvelenato

Fantasticavo amenità del cuore
Odorando prati rasati di fresco.
Tracimava esubero di romanticismo,
Tipico dell’età che s’innamora
Incautamente dell’impossibile.
Temerario cuore che ritenti impresa
Imbrattando di ridicolo la ragione,
Violando i criteri del buon senso,
Immòlati a sacrificio e per fioretto
Resisti ai richiami di Icaro e Cupido,
Unno è questo morbo che rade al suolo
Sospendi il tuo sogno chè non è tempo.

– Daniela Cerrato

Acrostico “Fuori dall’eden”

Finalmente fu detto “ecce homo”,
un evoluzione di dna affinato
ospite del cosiddetto paradiso,
respirò e fruì integrità di natura
insieme alla metà complementare,
donna, amica e con disinvoltura
amante, con segreti ancora da scoprire.
liberi di essere liberi di fare
liberi sino a che si urlò “peccato”.
E inventarono una strana leggenda
denigrando l’amore più sensuale,
esiliando le loro innate pudenda
nocive più d’ogni altro vero male.

-Daniela Cerrato

Mahmoud Said  (1897-1964) “Adamo ed Eva”, 1937

Mahmoud Said, 1897-1964.jpg

Angelo in rosa #acrostico

Apparve d’improvviso
nel cuore della notte un’angelo
grazia dolcezza serenità
emanava dal volto ignoto, e svanendo
lasciò scie di gigli dietro sè;
onde di profumo al risveglio nella stanza
immantinente mi fecero pensare
non può essere,è solo un sogno!
Riavvolsi l’onirica pellicola,ma
olfattivamente era ancora nell’aria
sentore floreale delicato…
Anche sul cuscino.

Daniela,novembre 2015

 

 

Acrostico: Fiore di ortica

Fra cespi di rigogliosi prati
Innumerevoli son le erbe.
Oltre i fossi sparso ovunque
Risalti poco in verdognoli grappoli
Evitato per le foglie che ti avvolgono
Disturbanti e urticanti
Invero altresì
Osannato per i benefici,
Raccolto accuratamente per
Tisane e decotti,
Immolato sei per tradizione
Come insignificante Cenerentola
Amore e odio della vegetal natura.
Daniela 2015.