Iggy Pop recita Lou Reed

una poesia di Lou Reed del 1970

Siamo persone senza terra
Siamo persone senza tradizione
Noi siamo persone
che non sanno morire serenamente,
a proprio agio
Siamo i pensieri dei dolori
la fine del domani
Siamo i ciuffi dei governanti
E i giullari dei re
Siamo le persone senza diritto
persone che hanno conosciuto solo bugie e disperazione
persone senza un paese, una voce o uno specchio
Siamo lo sguardo di cristallo
ritornato attraverso la densità e l’immensità di una nazione impazzita
Siamo vittime del manifesto indicibile della mancanza di profondità
Di vuoto pieno e pesante
Siamo le persone senza dolore
Che sono andati oltre l’orgoglio e l’indifferenza nazionale
una parodia dell’istinto
Siamo persone disperate
oltre l’emozione perchè sfida il pensiero
Noi siamo persone
che concepiscono la nostra distruzione e la compiono lecitamente
Siamo gli insetti del pensiero di qualcun altro
una vittima del giorno, della notte, dello spazio e di Dio
Senza razza, nazionalità o religione
Siamo le persone, persone, persone.

———————————–

one way street

The stars and a moon

Aren’t where they’re supposed to be

For the strange electric light

It falls so close to me

Love, I come to ride

High on that seasick rolling wave

And you know that I am

Just trying to get out

Oh the glorious sound

Oh the one way street

But you can’t get

Can’t get it down without crying

When I’m dressed in white

Send roses to me

I drink so much sour whiskey I can’t hardly see

And everywhere I’ve been

There’s a well that howls my name

From the one tiny sting

To that vacant fame

Oh the deafening roar

Remember that’s called a one way street

And you can’t get

Can’t get it down without crying

Mystery’s a sigh

You can’t get out

In a psychotropic light, you can’t get out

Love, I come to ride

High on that seasick rolling wave

That’s the way that I fall, trying to get out

Oh the glorious sound

Of the one way street

And you can’t get

Can’t get it down without crying

Oh the deafening roar

It’s called a one way street

la tua canzone, Negrita

 È un secolo che piove
In questo buco di città
Gonfia di rimpianti
E di arroganza stupida
Anche tu in ostaggio
Di una lunga redenzione
Ti offro il mio coraggio
Ma questo viaggio tocca a te
È un biglietto per le stelle
Quello lì davanti a te
Cambierai la pelle
Ma resta speciale
Non ti buttare via
In questo inferno
Di ombre piatte
In questo vecchio luna park
Resta ribelle, non ti buttare via
Prendi una chitarra e
Qualche dose di follia
Come una mitraglia
Sputa fuoco e poesia
L’arma è a doppio taglio
Ti potrai ferire un po’
Non avrai un appiglio
Ma stai sveglio, tocca a te
È un biglietto per le stelle
Quello lì davanti a te
Cambierai la pelle
Ma resta speciale
Non ti buttare via
In questo inferno di ombre piatte
In questo vecchio luna park
Resta ribelle
Non ti buttare via
Sì, yeah
È il tuo biglietto per le stelle
Quello lì davanti a te
Ne vedrai di belle
Ma resta speciale
Non ti buttare via
Avrai clessidre senza sabbia
E reti per le acrobazie
Resta ribelle
Non ti buttare via
Volerai, lontano, lontano
Tutto è in movimento
Tra pause e mutamento
Crisi e rivoluzione
Sarà la tua canzone
Perché tutto è in movimento
Tra pause e mutamento
Crisi e rivoluzione
Sarà la tua canzone
La tua canzone

Compositori: Fabrizio Barbacci / Paolo Bruni / Cesare Petricich / Enrico Salvi

il mondo va più veloce di me…

Mama Maé prega perché
Il mondo va più veloce di me
Alzo stereo a palla per non pensare
Alzo così tanto da farmi male
Dimenticando tutto quello che so
Tutto quello che so
Rotolo e rimbalzo
Tra l’inferno e il cielo
Tra demoni privati e santi extra vangelo
Perdendo terreno ma il fiato è quello che è
Prega un poco per me
Partecipo al gioco
E non so bleffare
Che vinca o che perda
Io voglio provare
Mama Maé prega perché
Il mondo va più veloce di me
Controsterzo, sbando e vado di fuori
Cercando di seguire piloti migliori
Ma è un po’ ricucire uno strappo
E non so se mi va
No, non so se mi va
Per ogni partita hai un gioco da fare
Che vinca o che perda io voglio provare
Mama Maé prega perché
Il mondo va più veloce di me
Compositori: Fabrizio Barbacci / Paolo Bruni / Francesco Li Causi / Cesare Petricich / Enrico Salvi