Asclepìade di Samo , “Vani Risparmi”

Asclepìade di Samo

VANI RISPARMI

Il tuo tesoro di gioventù risparmi.

A che, fanciulla? Non troverai

Chi t’adori, quando sarai nell’Ade.

Son per i vivi le gioie d’Afrodite:

Laggiù, ossa saremo e cenere soltanto.

René Magritte, Les Profondeurs du Plaisir (The Depths of Pleasure), 1948

René Magritte, Les Profondeurs du Plaisir (The Depths of Pleasure), 1948

Annunci

Federico Garcia Lorca, Madrigale d’Estate

MADRIGALE D’ESTATE

Unisci la rossa tua bocca alla mia,
o Estrella gitana!
Sotto l’ora solare del mezzogiorno
morderò la mela.

Fra i verdi ulivi della collina
c’è una torre moresca,
colore della tua carne campagnola
che sa di miele e d’aurora.

Mi offri nel tuo corpo ardente
il divino nutrimento
che dà fiori al ruscello quieto
e stelle al vento.

Come ti sei data a me, luce bruna?
perché mi desti pieni
d’amore il sesso di giglio
e i seni sonori?
Fu per la mia tristezza?
(Oh, miei goffi passi!)
Forse destò pietà in te
la mia vita spenta di canti?

Perché non hai preferito ai miei lamenti
le cosce sudate
di un San Cristoforo contadino
pesanti in amore e belle?

Danaide del piacere sei con me.
Femminile Silvano.
I tuoi baci odorano come il grano
secco dell’estate.

Oscurami la vista col tuo canto.
Sciogli la tua chioma
dispiegata e solenne come un manto
d’ombra sopra i prati.

Dipingimi con la bocca insanguinata
un cielo d’amore,
su un fondo di carne, la stella
violetta del dolore.

Prigioniero è il mio pegaso andaluso
dei tuoi occhi aperti,
e volerà desolato e assorto
quando li vedrà morti.

Anche se tu non m’amassi, t’amerei
per il tuo sguardo cupo
come l’allodola ama il giorno nuovo
per la rugiada.

Unisci la rossa tua bocca alla mia,
o Estrella gitana!
Lasciami sotto il giorno chiaro
consumare la mela.
( Federico Garcia Lorca , 1920)

Illustrazione di Georges Barbier

Georges Barbier 9_XXL

Lontananze

La lontananza
Questa parola riporta alla memoria una bella e melodiosa seppur triste canzone di Modugno di tanti anni fa. Il suo testo è una poesia senza tempo,che spiega in modo impeccabile il distacco da una persona cara.
Volenti o nolenti prima o poi siamo tutti vittime di questa circostanza.
Talvolta la lontananza è volutamente cercata, un banco di prova per capire meglio un rapporto logorato dal tempo e dall’abitudine; in tal caso siamo responsabili di questa scelta e se il nostro cuore non prova strazio, allora ci rendiamo conto che deve essere definitiva.
Ma ci sono distacchi forzati.
Quello di una persona che è venuta a mancare,è la più dolorosa da accettare che solo il tempo e la rassegnazione potranno curare.
Poi c’è la lontananza temporanea per motivi esterni, più o meno lunga, e qui la pensiamo facile da superare all’inizio, proprio perchè consci che avrà termine.
Ma ecco che invece, dopo appena pochi giorni,ci accorgiamo del profondo vuoto che lascia in noi,anche se siamo immuni alla solitudine; nel trascorrere delle ore non possiamo fare a meno di cercare e desiderare la fine del tormento,non ne vediamo la fine,invochiamo il ritorno e ci sentiamo meno forti di quanto pensavamo di essere.
L’insofferenza a tutto e a tutti si espande soprattutto se le possibilità di contatti con la persona in questione vengono ad essere scarsi. Una cosa positiva però nasce da questa tristezza irrequieta: la consapevolezza di quanto importante possa essere una persona per il nostro equilibrio psico-fisico e quanto sia grande l’amore che proviamo nei suoi confronti.
E questa coscienza la riverseremo positivamente non appena tutto ritornerà nella normalità.
Infine non meno importante la lontananza da un luogo, senza banalità, la nostra cara città natale.
Per quanto possiamo essere giramondo e rimanere affascinati dalla bellezza e magia di luoghi incantevoli,il nostro cuore rimane ancorato alle radici e ai ricordi che non sbiadiranno mai. E qui ritornano in mente le parole di un’altra canzone,di Rita Pavone,anche questa di tanti anni fa:
“Mi piace ritornare a casa mia,e ritrovarmi fra le cose mie,fra quelle cose che son la casa.Casa mia, per piccina che tu sia,tu mi sembri una badia…”
Era una semplice meditazione,su vari momenti della mia vita vissuta, purtroppo ho vissuti tutti i vari stati di lontananza,e uno lo sto vivendo ora ,ma è quello a lieto fine stavolta, per fortuna mia.

Natalia Bronnikov- Volare con Nontiscordardime.

Illustrazione di Natalia Bronnikov- “Volare con Nontiscordardime”

Lettera da Gabriele D’Annunzio a Jouvence (Mezzanotte, 24 Aprile 1923 Frate Grillo)

Desidero proporre questa lettera che mi è capitato di leggere oggi; è di una bellezza tale da destare grande stupore. Si tratta di un messaggio d’amore scritto da Gabriele D’Annunzio alla sua amante ed è pura e alta poesia.

——————————————————

In questa notte nera, la corona delle tue braccia m’è come una costellazione indelebile.
Perché oggi, in quei pochi attimi di sogno, ho avuto dalle tue giovani braccia una sensazione luminosa, come se tu avessi cinto d’un fuoco bianco la mia tenerezza e la mia tristezza?
Esiste un fuoco fresco ?
Non saprò mai dirti quel che provo, quel che tu mi dai.
Tra l’ebbrezza di ieri e quella d’oggi, non v’è stato per me che supplizio corporale e inquietudine interiore. Tu hai ascoltato, con l’indulgenza più delicata, le mie confessioni.
La grazia del tuo volto attento sembrava modellarsi sulla mia sofferenza.
Poco a poco, credevo di sentire la sostanza del tuo corpo cambiarsi in una specie d’amore caritatevole. Credevo di assistere a un miracolo inaudito: il frutto voluttuoso che si muta in fiore sensibile! Puoi capire ?
Mai tu m’avevi preso fra le tue braccia con tanta dolcezza.
Io ti parlavo delle mie voluttà tormentose e menzognere; e, senza parlare, tu calmavi il mio dispiacere, rinfrescavi la mia bruciatura, consolavi i miei rimpianti e i miei rimorsi.
E, come tu non m’avevi mai coronato con braccia cosi tenere e cosi chiare, tu non avevi mai avuto labbra cosi musicali. La tua carezza era come una melodia infinita.
Ogni moto delle tue labbra era un accordo che, ogni volta, sembrava compiere la perfezione della mia estasi.
Eri una dolce piccola anima con delle labbra. Eri la bocca stessa dell’Amore che guarisce.
Ed eccomi solo, nella notte ! Tu eri seduta là. Qualche filo d’oro riluce nella tua testa bruna…
Come l’altro giorno, quando il mio desiderio ti chiamava, sei riapparsa?
M’hai lasciato di te una sensazione luminosa.
Mi sembra d’avere della luce sulla punta delle mie dita, come se avessi toccato il fosforo.
Dormi ? Tu circondi forse con le tue braccia il sogno dell’amico insonne.
Il tuo seno sinistro mi chiama e si offre…
Vorrei che il mio grido giungesse fino a te; vorrei che il mio desiderio traversasse il lago scuro fino al tuo giardino umido… Tenterò di farti giungere questa lettera notturna.
Sarai forse contenta di stringerla sul petto o di farne il tuo guanciale.
Le tue braccia chiare e tenere sono l’unica aureola della martire Notte.

Auguste Raynaud, La nuit

Auguste Reynaud The Night

Sir Edward John Poynter, The Visions Of Endymion

La mitologia greca ha tramandato varie versioni della favola che racconta le vicende del bellissimo pastore Endimione amato dalle dee.
Non dunque a una sola leggenda si ispirano le molte opere letterarie che recano il titolo Endimione, ma piuttosto a una figura assunta di volta in volta quale simbolo, generalmente, della perfetta bellezza o dell’amore.

The Visions Of Endymion
Sir Edward John Poynter – 1901
Manchester Art Gallery (England)
oil on canvas

endimion