Ramon Casas Y Carbò (1866-1932)

Casas,pittore catalano rappresentante del modernismo nacque a Barcellona nel 1866. Nel 1885 si trasferì a Parigi, dove fu allievo di Carolus Duran e lo stesso anno espose al salone degli artisti francesi un autoritratto che attualmente fa parte della collezione Plandiura di Barcellona. Dopo lunghi soggiorni a Parigi e a Granata, fece diverse esposizioni a Barcellona che aprirono nuovi orizzonti all’arte catalana indirizzata da lui e da Santiago Rusiñol per le vie dell’ impressio-nismo.
Nelle sue migliori pitture rivela l’influenza di Degas, specialmente nei grigi perlacei, come nei primi disegni fa pensare a Forain. Ha anche eseguito i ritratti di molti personaggi stranieri, e ha pubblicato, in collaborazione con il critico d’arte Miquel Utrillo, le due riviste Pel i Ploma e Forma. I musei di Barcellona e di Madrid possiedono alcuni dei suoi più importanti lavori.

Retrato de Julia

Retrato de Julia. Óleo sobre tela. 93 x 73 cm. Fons d'Art de Cèdit Andorrà. Obra de Ramón Casas

A los toros. 1896. Óleo sobre lienzo. 190 x 90 cm. Colección particular. Obra de Ramón Casas

Ritratto del violoncellista Gálvez

Retrato del violonchelista Gálvez. Óleo sobre lienzo. 85 x 68 cm. Colección particular. Obra de Ramón Casas

Mujer desnudándose

Mujer desnudándose. Óleo sobre lienzo. 54 x 36 cm. Colección Pedro Masaveu. Principado de Asturias. Obra de Ramón Casas

Annunci

Amori bruciati

Certi amori
come fiammiferi
s’accendono
bruciano rapidamente
poi veloci si spengono
e dopo il fumo il nulla
Di certo non grandi amori
poichè se importanti
son più simili all’incenso
che tarda a infuocarsi
si consuma lentamente
e anche quando esaurito
la sua fragranza resta
e del suo profumo
si è impregnato
il cuore,
anche dopo tanto tempo.
Daniela,2015

tumblr_njx0r4qw3D1shgs1po1_540

L’effetto di un’ombra

Non sempre ombra
è sinonimo di paura
nè trattasi di materia oscura
o di passati ricordi.
Divertenti ombre cinesi
di privata festa o teatrino
sorprendevano bambini
calamitando l’attenzione.
Ma non c’è sagoma migliore
della tua che si avvicina
o acquattata che m’attende
per sorprendere il mio sorriso.
Daniela,2015

ombra

Robert Burns (1869-1941) ,Diana e le Ninfe, 1926

Questo bellissimo dipinto in cui l’autore combina materiali diversi miscelando colori piatti a quelli smaltati e la foglia oro per l’ effetto luminoso, crea un piacevolissimo intreccio. Le forme vegetali fantasiosamente si intrecciano con gli animali,uccelli, scimmie,felini, e ninfe. Il risultato è di impatto, molto sensuale e di grande movimento.Si trova alla Galleria Nazionale di Edimburgo
Robert Burns è stato un esponente dello stile Art Nouveau in Scozia, stile creativo e raffinato, caratterizzato da motivi decorativi ; ha affiancato il suo lavoro come illustratore di libri all’ insegnamento alla pittura e alla decorazione, diventando capo del dipartimento di pittura presso L’Accademia d’Arte di Edimburgo durante il secondo decennio del XX secolo.

Robert_Burns

E ora la quiete

Mare finalmente calmo
come l’animo dopo una tormenta
in uno stadio di ritrovata quiete
anche se in cielo si scorge ancora
qualche nuvola grigia sospesa
e lentamente i ricordi si allontanano
galleggiando sull’acqua che tutto trascina
come barche vuote mosse verso la deriva.
Ecco, già si intravedono grandi squarci di sereno.
Daniela,2015

Courbet - The Calm Sea

Gustave Courbet (1819–1877) Il mare calmo

L’incanto di una rosa

Questi versi sono nati  osservando uno scatto fotografico di  Paul Militaru , sempre alla ricerca di splendidi dettagli che la natura offre ai nostri occhi.

Nivee o dorate
rosate o aranciate
delicate sfumature
sui vellutati petali
morbidamente curvati
ormai schiusi
dal compatto bocciolo
scrigno di profumo
inconfondibile.
Quando arrossiscono
o di corallo si vestono
son chiaro simbolo
del più romantico amore
premurose ritraggono
i pungenti aculei
annullando ogni difesa.
Daniela,2015

Photo by : Paul Militaru http://photopaulm.com/

orange-rose

Abbas Kiarostami (Teheran, 1940)

Abbas Kiarostami (Teheran,  1940) è un regista, sceneggiatore, montatore, poeta, fotografo, pittore e scultore iraniano.Nato a Tehran, in Iran, dopo aver vinto un premio di pittura all’età di diciotto anni, si laurea all’università di Belle Arti della sua città e prima di intraprendere la carriera di regista, lavora come graphic designer nella pubblicità e nell’illustrazione di libri per bambini. Proprio quest’ultimi diventeranno infatti protagonisti pressoché costanti di molte sue pellicole e la delicatezza e il rispetto usato da Kiarostami nel dirigerli, diverrà quasi un suo marchio di fabbrica. Da grafico pubblicitario gira, nella metà degli anni sessanta, più di 150 spot per la televisione di Stato. Nonostante le varie vicissitudini vissute dal suo paese, compresa la Rivoluzione del ’79, decide ugualmente di rimanere in Teheran e superata la trentina decide di intraprendere la carriera cinematografica. I suoi esordi riguardano per lo più cortometraggi ispirati al cinema Neorealista italiano. Il suo primo lungometraggio di rilievo s’intitola Il viaggiatore, girato nel 1974, dove il protagonista, un piccolo adolescente, cerca in tutti i modi di procurarsi un biglietto per vedere allo stadio la partita della nazionale a Teheran. Una costante, nella sua carriera sarà sempre la direzione di documentari, spesso a sfondo didattico, negli anni ottanta girerà infatti numerosi cortometraggi a sfondo educativo. Nel 1997 ha vinto la Palma d’oro per il miglior film con Il sapore della ciliegia. Nel 2005 ha diretto un episodio di Tickets assieme ad Ermanno Olmi e Ken Loach.Ha anche pubblicato dei libri di poesie che richiamano nella struttura gli haiku giapponesi, si tratta di poesie di pochi versi e senza rima. In essi spesso rappresenta la vita quotidiana, piccoli frammenti di normalità guardati con lo stupore di un bambino. Sue raccolte sono “Con il vento” (2001) e “Un lupo in agguato” (2003).(BY WIKI)

“Nessuno odora
i fiori del deserto
nessuno li coglie
nessuno li vende
nessuno li compra”

— Abbas Kiarostami

flora deserto

Immagine dal Web