Un lungo sogno fatto di vetro, resina e inchiostro: ecco l’arte di Annalù

Le opere straordinarie dell’artista Annaluigia Boeretto,mi hanno immediatamente entusiasmata per la loro raffinatezza,le trovo frizzanti,vitali e originali.Perciò rebloggo!

The Parallel Vision

Le sue opere sono famose in tutte il mondo e Colossal non poteva non riprendere l’arte suggestiva e poetica di Annaluigia Boeretto, per tutti Annalù, artista di San Donà di Piave in provincia di Venezia, che vive e lavora nella sua casa palafittata sulla riva destra del fiume Piave.

Annalù, classe 1976, si diletta con resina, carta, inchiostro, cenere, grafite, vetroresina. E quello che esce dai materiali plasmati dalle sue mani sono veri e propri gioielli di eleganza carichi di evocazione, che vi mostro qui oggi in tutto il loro splendore.

annalu-boeretto-1 Annaluigia Boeretto, in arte Annalù

Godetevi le sue opere, allora. Di cui troverete i cataloghi completi sul suo Sito Ufficiale con nomi, dimensioni e prezzi. Oltre a tante altre informazioni sulle mostre passate e quelle in programma per il futuro, come la sua presenza con “Frozen Istants” ad Hong Kong per “Italia Bellissima“, presso la

View original post 27 altre parole

Proseguono malfunzionamenti con WP

Vi disturbo per una comunicazione già fatta circa un mese fa ma che devo ripetere soprattutto per i nuovi followers.Continuo ad avere problemi con wp, su alcuni dei vostri blog i miei commenti spariscono e come penso finiscono sempre nella vostra cartella spam. Non so ancora per quale motivo capiti ma non riesco proprio ad ovviare a questo inconveniente e me ne scuso. Se volete e potete controllate lo spam e magari troverete qualche mio commento.Grazie a tutti.
Daniela

Allo specchio

Allo specchio
parli liberamente
confidi i tuoi sogni
le paure gli amori
sfarfallanti pensieri
osservi e scruti
le movenze del tuo corpo
l’espressione che cambia
ad ogni argomento
non compare rossore
sulle tue gote
dimentichi il pudore
lui non ti giudica
ma paziente ascolta
e muto conserva
i preziosi segreti
a lui affidati.

Daniela,2016 __ Dipinto di Francois Schuiten, “Le Miroir”

schuiten-francois-le-miroir

Indie Way – Pubblicare un e-book su Kindle Direct Publishing (KDP) | Pagine Sporche

Potrebbe essere di utilità per qualcuno,dunque rebloggo ringraziando Pietro Barnabe’

Arte&Cultura

Una guida completa ed utile per chi volesse pubblicare i propri e-book su amazon con KDP, ovviamente se li ha scritti :-D.

Indie Way – Pubblicare un e-book su KDP A volte sento persone descrivere la creazione e pubblicazione di un e-book come se si trattasse di un lavoro di complessità enorme e dagli esiti incert…

Sorgente: Indie Way – Pubblicare un e-book su Kindle Direct Publishing (KDP) | Pagine Sporche

View original post

Domenica ottobrina

Un grigiore stinge
la domenica ottobrina
minacciando scrosci
e smorzando il desiderio
di uscir fuori.
Si ritrova gusto
rimestare tra fornelli
gorgoglianti vapori
di profumi autunnali
tra primizie stagionali
dai caldi colori.
Mentre il gatto si riavvolge
a gomitolo nel suo pelo.
— Daniela 2016

Incisione dell’artista cinese Shi Yi

shi-yi

Li du’ spuntoni

interessanti questi versi che ho letto poco fa per la prima volta e li rebloggo sperando di far cosa gradita.

Michelangelo Buonarroti è tornato

Ecco a voi come un vostro poeta contemporaneo ha cercato di spiegare il significato delle corna che scolpii sul capo del Mosè.

Li du’ spuntoni che er Mosè cià in fronte,

che la gente a capilli ce se scorna,

me l’hanno detto, non so’ mica corna,

ma so’ du’ raggi che, salito ar monte,

Mosè sprizzava fino all’orizzonte.

E non la vo’ capì la giente sciorna,

ma si la cosa così me torna,

mo’ la capisco quale fu al fonte

de ‘st’illuminazione che riluce;

Mosè, visto l’Eterno risplendette,

quele du’ corna so’ raggi de luce.

Non ci aveva le corna da vitello,

da cornuto, ma in testa lui ci aveva

du’ raggi de luce pe’ capello.

Bartolomeo Rossetti, autore del Vangelo in dialetto romano – Roma 1999

2015-04-05-roma-17

View original post

Tutto era lieve

Lieve si diffondeva
il suono della cetra
come le fioche voci
che sussurravano
preziose confidenze
sul finir della sera
il mare placido
e l’assenza di vento
cullavano il  cuore
e l’odore dei mirti
era unico antagonista
al salmastro profumo
di quell’aria settembrina
in cui amoreggiare
era dolce e unico pensiero.

Daniela,2016 ____ Dipinto di Alphonse Osbert ,” Ancient Evenings ”

alphonse-osbert-1857-1939-ancient-evenings-1908

Come icebergs

Misere le menti
gelide e nefaste
come enormi icebergs
mai si sciolgono
all’altrui compassione
spettri che si fan largo
e procedono senza amore
ad affermare i loro egoismi
in piramidi di fasulle ricchezze
che sprofondano nel baratro
del fatale annullamento
di ogni peculiarità umana

Daniela 2016  ____ Dipinto di Frederic Edwin Church,”The Icebergs”

frederic-edwin-churchthe-icebergs

Una chicca degli anni ’70

Non se fa a tempo a nasce che già se deve mori’
e dopo ‘na vita de stracci te metteno er vestito bono
p’anna’ lassù

La terra è una torta
ognuno ha la sua fetta
che tu c’hai dato in prestito
a troppo caro prezzo
ricoperto hai di fiori
un gran campo minato
laddove metto i piedi
c’è l’ombra del peccato

Resto a guardare
i piedi nelle mie scarpe
che non ho consumato
che non ho consumato
la donna che ho amato
che non ho consumato
ma il sole è tramontato
il sole è tramontato

Benvenuto tra noi
Benvenuto tra noi
Benvenuto tra noi
Benvenuto tra noi

Non ho giocato per paura di offenderti
non ho mangiato fragole per fartene fioretto
è con la bocca amara che vengo a parlarti
ma non mi metterò l’abito buono
mi presenterò a te vestito di stracci
come ho vissuto

La campagna era verde
l’erba alta e profumata
ma la falce è passata
ogni vita s’è seccata
faccio tutto un fascio
stracci e bocca amara
loro ti diranno
una nenia che già sai

C’era una volta
nel grembo di una donna
nel grembo di una donna
un fiore che sbocciava
ed era il più bel fiore
il più bello del Creato

Aveva peccato
Aveva peccato

Benvenuto tra noi
Benvenuto tra noi
Benvenuto tra noi
Benvenuto tra noi