Agostino Arrivabene ” I sette giorni di Orfeo”

Tanti i riferimenti che si riscontrano nella pittura dell’artista lombardo Agostino Arrivabene, classe 1967:  da Leonardo Da Vinci, ai maestri rinascimentali, a Dürer,  Rembrandt,  Gustave Moreau e i preraffaelliti. Personalissimo il risultato,  tra onirico  surreale e simbolismo, che si osserva nei dipinti di Arrivabene. Qui il suo sito per approfondirne la conoscenza: http://www.agostinoarrivabene.it/

Ho inserito anche un suo personale intervento, nel video di Daverio, dove spiega i particolari della sua opera I sette giorni di Orfeo, un notevole esempio di come ogni dettaglio di una tela sia importante per comprendere l’insieme.

“Agostino Arrivabene “I sette giorni di Orfeo”
orfeo.jpg

Fosca visione

Imprecisate e vaghe
le sensazioni nate
dall’onirica tua comparsa
sì sfuggente e nebulosa,
spesso appari fulminea
per svanire d’improvviso
a  pupille già provate
stralunate ed incredule,
eppur da nulla alterate
se non da vision latente.

Così eterea la tua forma
pare suono fuori campo,
note udite ma indistinte,
nuovo sogno appena nato
e già interrotto sull’istante;
chissà se un dì potrò captare
dalle chiare tue sembianze
questo mistero evanescente
che m’intriga e mi conduce
a soluzione inconcludente.

Daniela Cerrato, 2017

__ Dipinto di Agostino Arrivabene __

Agostino Arrivabene..jpg

Pazzo cuore

(…se tu fossi qui…)

Pazzo cuore
che s’infiamma
urta contro il petto
e lo percuote,
diviene tamburo
scandisce un ritmo
in interminabile ascesa
rimbomba nelle orecchie
infastidite appena
dal suo marcare
un tempo che corre,
mentre vorrei fermarlo…
perchè non sei qui
a sorprendere i miei occhi…
così dopo tanto tempo
quel tuffo ricompare
al tuo pensiero e risveglia
lo spazio infinito
di dolcezza e passione,
la follia di un tempo
che non chiese nulla
se non amore
un dare e avere
finchè ci fu permesso
di trasformare il desiderio
in un solo fiato,
lontani su strada
ma vicini di cuore.

Daniela,marzo 2016

Artwork by Agostino Arrivabene,”Amor vincit omnia”

Agostino Arrivabene,amor vincit omnia