Resti tu

Resti tu
invisibile onda
a cui fiduciosa
mi affido
è un mare pacato
il tuo abbraccio
che sorregge
l’anima pericolante
intaccata dalle tragedie
del mondo impazzito
alma ingrigita
che di vendetta è digiuna
e non si vuol saziare
ma implora fine
senza mani giunte
a clima sì pestilente
chè l’uomo
per mostrare umanità
non abbisogna di divina
ma di cerebral materia.

Daniela Cerrato,2017

Scultura di Rogerio Timoteo,artista portoghese.

scultura-di-rogerio-timoteo

In abito da sera

Seducimi
con le trasparenze
e la luce
che riflette
iridescenze
di puri cristalli,
trattienimi
con la forza
del tuo calore
che illumina
la mia anima
solitaria,
scaccia il buio
che c’è in me
e mostra l’eleganza
delle tue curve
nel raffinato stile
d’altri tempi.

Daniela,2016

Mattia Bonetti, “chandelier  Opera”, 2014, sculpted bronze and swarovski crystal

mattia-bonetti

Fuori placenta

Dal primo vagito
si accumulano anni
sacche colme
di risate e pianti
speranze avverate e deluse
devastanti lutti rimpianti
incomprensioni illusioni
amori frizzanti o grevi
altri profondi duraturi
un susseguirsi alternato
d’inquietudine e pace
l’anima è fragile
granchio senza carapace
anche di gioia leggera
gode carezza
nella vista d’un fiore
una gentil brezza
una melodia che culla
le fusa di un gatto
un sorriso dal nulla
un’abbraccio più stretto
cambiano colore ed aspetto
a questa enorme fatica
che si chiama vita.

Daniela,2016

Mandala: L’albero della vita

computer-background-mandala-tree-of-life-drawing

Imitazione

Goffa imitazione al nulla giova
mostra a tutti il tuo vero aspetto
sì che chi ti cerca e non ti trova
non ti scambierà per altrui soggetto

scimmiottar bellezza sia solo civetto
che nulla toglie a tuo assoluto pregio
lascia parlare anche un tuo difetto
che è dell’alma di cornice il fregio.

Daniela, 2016

Photo by Louise Dahl Wolfe

Night Bathing

Ad amore conduce

Ad amore conduce
come soffio gentile
d’eterea felicità
il tuo sussurro
che risuona ancora
con soave leggerezza
chiaro come un’eco
delicato come petalo,
che alla pelle
dona un brivido inatteso
accarezza l’anima
pervadendo la sua interezza
e come calorosa favilla
la riscalda sollevandola
dagli usuali malcontenti.
Daniela,2016

Photo di Emmanuelle Brisson

emmanuelle-brisson-photography

Giardino Zen

Nella pace suadente
del roccioso giardino
rimuovo le insidiate
inalazioni di ansia,
il cuore rallenta
i nocivi affanni
incentro attenzione
sul respiro su un fiore
su un sasso striato
levigato dall’acqua
che scorre perpetua
con gradevole scroscio.
Si inebria l’olfatto
nel profumo di muschio
che ormai si distingue
dal resinoso secreto
d’incenso ora estinto,
rododendri e camelie
ravvivano a macchie
l’omogeneità delle felci
e diversificate verzure.
Nell’armonia che regna
tra pochi elementi
s’innalza l’anima
rifuggendo dal Caos
è un piccolo spazio
un rifugio prezioso
un mondo di grazia
ov’ogni tedio è corroso.
Daniela settembre 2016

giardino-zen

Salva
immagine da web

Attimi imprevisti

Rompendo il di lei nostro digiuno
la tristezza ci sorprende
nel momento inopportuno
su per la gola si espande
come ghiaccio si fa fuoco
anche senza alcun motivo
trova facile prendersi gioco
del nostro lato emotivo
Si trattiene qualche lacrima
poi fugge dietro un’angolo
ad osservar la nostra anima
che in un rapido rimescolo
si ricompone l’umido  viso.
Ma ancor lontano è un sorriso.

Daniela,settembre 2016

________ Art by Morgan Davidson ______

morgan-davidson