Cuore

Imperfetto e ritmico
tra diastole e sistole
mosso, se scosso da sussulti
di battito impazzisce.
Sorprende quando si fa quasi muto,
si tasta il polso, lo si va a cercare,
come se potesse essere evaso
dalla sicura fortezza del corpo.
Lo si sente ridere
quando amor lo solletica,
si bea nella paradisiaca estasi
e tristemente affranto, duole
di disperazione per ogni eterno addio.
Acciaccato e livido riparte
a meravigliarsi ancora
nel vedere la sua sagoma
trafitta, in bella mostra su un muro,
voce anonima d’amore universale;
così ritorna, in battere e in levare,
a canticchiare una dolce melodia.
Zitti lo si sta ad ascoltare,
per soddisfarlo di nuovo, e ancora,
chissà che per noi decida, così
all’improvviso, di tornare a volare.

Daniela Cerrato, 2017

Jim Dine Pop Art

Jim Dine

La camera dei poeti

La camera dei poeti
è in penombra, silenziosa,
nemmeno un ticchettìo
deconcentra i pensieri
in costruzione, solo la
melodia d’ipotetici versi
chiama attenzione e ascolto.
In questo angolo isolato
riaffiorano emozioni,
scandagliato è l’animo
negli angoli più fragili
e il sunto dell’analisi
va sulle righe, completato
o in bozze incompiute,
ali di farfalla destinate
poi a volare, quando il senso
sarà definitivo ed il vento
avrà apposto la sua firma.

Daniela Cerrato, 2017

tumblr_oqm9encyfY1wpx5gjo1_1280