Note sensoriali

Il bosco in autunno
è scenario brillante
forza cromatica, effervescenza
di profumi penetranti,
effluvio intrigante
che sprigiona note di vita
di licheni e marcescenze
di humus ravvivato
dalla recente pioggia,
testoline di funghi
a siluro o ad ombrello,
castagne sprigionate da ricci
caduti ad aguzzare terreno,
fiori minuti ma resistenti
al clima per favorita ubicazione;
e come scritto nelle migliori fiabe
c’è sensazione di presenze,
di spiritelli invisibili
che si dileguano scocciati,
disturbati dagli umani passi grevi
e da voci di cani sguinzagliati
a sfogare i loro entusiasmi
nell’inseguire qualche animaletto
sfuggito all’umana attenzione.
E tra i sentieri un intreccio di incanti
di fruscii che solo l’udito fino,
che vuol seguirli sino a loro scomparsa, ascolta.
Entra nel cuore la naturale magìa, ancora una volta…

Daniela Cerrato, 2017

 

 

 

Nel sottobosco

Vispo zompetta il ghiro
tra licheni e muschi
scruta novelle presenze
dai tondi cappelli
affiorati dal terreno
tra un vibrar di erba
che passando smuove
oggi non piove
si può sbizzarrire
nel suo banchettare
in trepida ricerca
di qualche faggiola
ghianda o nocciola
è tempo di accumulare
l’inverno è vicino
al letargo deve pensare.
Daniela,2016

Photo by Goldenpleasure.nl  ( from leofotos.wordpress.com )

paddestoel-overzicht-leo