Vecchia corrispondenza

Parlo di quella trama a fitte righe di penna intinta per informare, con elegante grafia, di vita, accadimenti e sogni, confidenze e palpiti del cuore sulla carta color avorio che attendeva impassibile lo scorrere delle parole. Chi la ricorda, chi ne fa ancora uso, ora che i moderni mezzi l’hanno soppiantata? Asciutta piegata in quattro, protetta da un foglio gemello lasciato in bianco per occultare il privato contenuto a indelicati ficcanaso, iniziava il suo viaggio.
Quel filo sottile discontinuo d’inchiostro, che mostrava del polso emozionali tremori, congiungeva le materiali distanze recando felicità o tristezza; e a lettura ultimata, per la commozione la fibra inumidita da qualche lacrima scesa creava la sbavatura; anche quello un ricordo, in cui si fondeva il salso umore al sigillo di saliva e colla di chi aveva urtato il cuore.

Daniela Cerrato, 2017

Annunci

In attesa del portalettere

Inchiostro scorreva
dal pennino alla carta
con calligrafia migliore
per dettati del cuore
e per dolce ambasciata
impregnate le fibre
di delicato profumo
si affidava alla busta
l’accorata speranza
di batticuor ricambiato.
La missiva
giunta a sorpresa
intrisa di sospiri
d’amore era pregna
in tangibil materia
pertanto si secretava
in luogo sicuro
come oro prezioso
posto ad altri il veto.
Ora freddi caratteri
appaiono impersonali
su dispay similari
con parole sincopate
scopiazzate sciupate
da faccine banali
niente corsivo
di bella mano
ma stampatello
un po’ villano
manca lo stile
buon gusto e poesia
che i tempi
si son portati via.
Daniela,2016

Foto per gentile concessione di Sak2010  (www.flickr.comphotoszak3000 )

7549754508_911e8e0774_b

Messaggio da una foto seppiata

Anima fragile,
sottile come i veli
che esaltano la tua nudità
dolcezza imbarazzata
impressa su carta
sopravissuta al tuo tempo
soave visione
di impalpabile sogno
rinnovato per occhi
che non hanno mai
conosciuto il tuo nome.
Daniela,2015

Foto di Davis Charles Henry,”The Dreamer”,1910
davis charles-henry-the dreamer-1910