Non ti sognerò

Personificazione di un desiderio,
sogno interrotto e più volte ripreso
tra una mezza risma di pagine in viaggio,
evanescente figura di giovine donna
dal nome straniero e tratti intriganti,
misteriosa quel tanto da giustificare
l’avida lettura e l’inutile stizza
per le palpebre che cedono al sonno,
porte che si chiudono verso l’ignoto
proseguo di una storia avvincente.
Non ti sognerò stanotte, rimarrò ignara
del tuo andare, sino alla prossima sera.

Daniela Cerrato, 2017

illustrazione di AndréLundquist

André Lundquist

Inseparabili

Restano inseparabili
certe poesie centenarie
raccolte in preziosi testi
pari a laiche bibbie
consultate alla bisogna,
come sacre tartarughe
longeve, con la loro lentezza
penetrano soavemente sottopelle,
solleticano col loro canto
la sensualità più profonda,
graffiano come artigli felini
con la forza delle parole
sferzanti e pressanti,
coinvolgono l’anima, trainanti
come flusso d’abisso marino
e si quietano come farfalle
posate su teneri virgulti
con la grazia loro infusa.
Dal primo all’ultimo verso
offrono passaggi emozionali
che aleggiano e creano visioni
d’incomparabile bellezza, mi perdo
tra le righe idealmente consumate
dalla mia passione per esse,
tanto che ad ogni commiato
pongo a dorso una carezza
ringraziandole per la loro
benevola continua folgorazione.

Daniela Cerrato, 2017

Gustav Klimt (1862-1918), “Fish Blood”, 1898

Gustav Klimt (1862-1918), 'Fischblut' (Fish Blood), 1898