“Oggi essere rivoluzionari significa rallentare più che accelerare” – Franco Arminio

Abbiamo bisogno di contadini,
di poeti, gente che sa fare il pane,
che ama gli alberi e riconosce il vento.
Più che l’anno della crescita,
ci vorrebbe l’anno dell’attenzione.
Attenzione a chi cade, al sole che nasce
e che muore, ai ragazzi che crescono,
attenzione anche a un semplice lampione,
a un muro scrostato.
Oggi essere rivoluzionari significa togliere
più che aggiungere, rallentare più che accelerare,
significa dare valore al silenzio, alla luce,
alla fragilità, alla dolcezza.

. Franco Arminio, da “Cedi la strada agli alberi. Poesie d’amore e di terra”

Franco Arminio è nato e vive a Bisaccia, ha pubblicato tra gli altri, “Vento forte tra Lacedonia e Candela” , “Terracarne” , “Cartoline dai morti” e “Geografia commossa dell’Italia interna”.Si occupa anche di documentari e di fotografia e scrive da anni sui giornali e in Rete a difesa dei piccoli paesi.