Vecchia corrispondenza

Parlo di quella trama a fitte righe di penna intinta per informare, con elegante grafia, di vita, accadimenti e sogni, confidenze e palpiti del cuore sulla carta color avorio che attendeva impassibile lo scorrere delle parole. Chi la ricorda, chi ne fa ancora uso, ora che i moderni mezzi l’hanno soppiantata? Asciutta piegata in quattro, protetta da un foglio gemello lasciato in bianco per occultare il privato contenuto a indelicati ficcanaso, iniziava il suo viaggio.
Quel filo sottile discontinuo d’inchiostro, che mostrava del polso emozionali tremori, congiungeva le materiali distanze recando felicità o tristezza; e a lettura ultimata, per la commozione la fibra inumidita da qualche lacrima scesa creava la sbavatura; anche quello un ricordo, in cui si fondeva il salso umore al sigillo di saliva e colla di chi aveva urtato il cuore.

Daniela Cerrato, 2017

Gioia attesa

Il dolce sapore
di una particolare carezza
vale un’attesa
che pare sfiorare l’eternità
e quella traccia,lieve sul viso,
scalderà l’anima
per un tempo infinito.

Daniela Cerrato, 2017

Foto di Yelena Yemchuk per Vogue Italia, Aprile  2017

Keira Knightley photographed by Yelena Yemchuk for Vogue Italia April 2017.png

Dopo lunga attesa

Con docile brezza saluta la sera
in un quadrante di cielo
dai toni azzurro rosati
chiazzato da sbuffi biancastri
che sovrasta le onde di cui s’ode
lo scandire terapeutico
un mormorìo gentile discreto
che scema in lingue silenti
sfumando quasi gassoso verso riva
e quello sciabordìo ritmico
nella sua alternata intensità
solletica le nostre menti
e le gambe ignude distese
in divertita sfida già persa
ma giacchè tra le risa cercata
sempre si gode dell’antico gioco
cui è impossibile trattenersi
meccanismo istintivo,sacro rito
doveroso saluto al talassico elemento
così dopo mesi di forzato distacco
onoriamo la sua sovrumana ospitalità
imprimendo transitorie tracce
sulla rena divenuta diario aperto
in cui tracciare primordiale simbologia
immutata universale e seppur non indelebile
nella sua impermanenza è volontà precisa
di rinnovare al mare l’immensa devozione.

Daniela Cerrato,2017

Dipinto di Joaquin Sorolla Y Bastida

Joaquin-Sorolla-y-Bastida-xx-Young-Girl-in-a-Silvery-Sea-xx-Private-collection

Sorrisi

Nei sorrisi dei bimbi
ci sono ghirlande di fiori
unite in ludico respiro
fiori diversi
disuguali le tinte
per un’unica
grandiosa armonia
di petali ed epidermidi
collane di gioia che
nessun adulto
per alcuna ragione
dovrebbe mai spezzarne
la potente vibrazione
nell’aria bisognosa
del loro innocente amore.

Daniela Cerrato,2017

Immagine tratta da Theberry.com

kid-smiles-2

 

 

Null’altro ha senso

Quando d’improvviso
i tuoi occhi si tingono d’amore
quando mostri anima nuda
priva di orpelli
e tra intese sottili
le nostre sensualità
si manifestano e nasce
un tripudio di mielosità
risate e giochi audaci
che nutrono palpiti sinchè
l’ultimo tuo fremito
fa esplodere vita in me,
sublimando ogni respiro
ogni fievole bisbiglio,
allora,soltanto allora
divento tua vittima
poichè mi uccidi di gioia
e null’altro ha senso.

Daniela Cerrato,2017

Renato Guttuso,”Donna nuda nello studio”

guttuso-donna-nuda-nello-studio1959

Sollevami

Sollevami
dalla gravità
che mi trattiene
dal monocromatismo
di tristi realtà
conducimi su scie
di arcobaleni
dove pioggia
diviene colore
che cadendo rimbalza
sulle piume
dei minuscoli colibrì
incantatori alati
tinti di gioia
che volteggiano
nell’azzurrità
ove anche il sole
sorride divertito.
Conducimi
ove i prati
sono tempestati
di petali multicolori
nei fondali profondi
di mari corallini
variegati da sciami
caudati e iridescenti
che risalgono
verso la luce.
Dietro quel velo
di nostalgico oblìo
la spensieratezza
attende libertà nuova
note allegre da solfeggiare
sullo spartito della vita
mestamente mantenuta
dagli umori terreni.
Riuscirci insieme
sarà assai più facile.

Daniela,2016

______ Art by  Krisztina Csaladi

csaladi-krisztina

Ormai

Ormai
son divisi per sempre
i nostri baci
nello struggente
ricordo
che perduto
nel suo oblio
non ha più ragione
d’essere rievocato
fardello
del cuore che sgravato
d’irrimediabile pena
riprende normale
battito,
ormai
ti sarà rimasto soltanto
un minuscolo frammento
di me.
Gettalo!
Vale la pena
trattenere solo
ciò che reca gioia
mai insano tormento
tranne
nei casi in cui
ci sia certezza
di riviverne
intierezza.

Daniela,2016

Art by Ernest Pignon

by-ernest-pignon

Fuori placenta

Dal primo vagito
si accumulano anni
sacche colme
di risate e pianti
speranze avverate e deluse
devastanti lutti rimpianti
incomprensioni illusioni
amori frizzanti o grevi
altri profondi duraturi
un susseguirsi alternato
d’inquietudine e pace
l’anima è fragile
granchio senza carapace
anche di gioia leggera
gode carezza
nella vista d’un fiore
una gentil brezza
una melodia che culla
le fusa di un gatto
un sorriso dal nulla
un’abbraccio più stretto
cambiano colore ed aspetto
a questa enorme fatica
che si chiama vita.

Daniela,2016

Mandala: L’albero della vita

computer-background-mandala-tree-of-life-drawing

Sì che quel fuoco…

La massima felicità condivisa in amore non si tocca per sempre,capita però che nella vita una persona ti dia tutto se stesso anche per un periodo limitato. Sarà quello che si ricorderà per sempre senza nostalgie ma con la gioia di averlo vissuto. Quell’ infinito calore ricevuto riuscirà magicamente a coprire per diverso tempo certe inevitabili gelate del cuore,come il fuoco di un camino di cui rimane sempre un minimo tizzone acceso.
E quell’intensità divenuta splendido ricordo come un invisibile angelo custode sarà sempre presente anche quando avrai trovato altro calore e ti allarmerà nel caso in cui si tratti di indegno sostituto; ma non dovrà mai impedirti di proseguire le naturali ritmie del tuo cuore.

cam