Isolation, Iggy Pop

Brano del 1986, tratto dall’album Blah-Blah-Blah , prodotto da David Bowie, autore con Iggy di gran parte dei pezzi e voce corista, facilmente distinguibile

Avevo bisogno di te, stavi solo usando
il bisogno che mi ha distrutto
Sto qui in isolamento,
sensazione di vuoto e dubbio
percorrendo l’autostrada dissestata,
succhiando zucchero semplice e dolce
Tua madre te l’ha mai detto
che le persone allegre sono libere?

Ho bisogno di un po’ di amore
come un detenuto ha bisogno di un centesimo
Ho bisogno di amore
come un poeta ha bisogno di una rima
Sto qui in isolamento
le mie mani vuote in isolamento
percorrendo l’autostrada dissestata
succhiando zucchero perché è mia abitudine

trovami un cuore con cui completarmi
e raggiungere i confini più lontani
Ho bisogno di amore
come un corpo ha bisogno di un’anima
Ho bisogno di amore
come una palla veloce ha bisogno di controllo
Sto qui in isolamento
le mie mani vuote in isolamento
colpisci la band
in questa terra orgogliosa

ho molto da fare, ho molto da dire
ho una vita da vivere
e sto qui in isolamento…

——————————



Needed you, you were only using
Needing you just tore me down
And here I stand in isolation
feeling emptiness and doubt
walking down the broken highway
sucking sugar plain and sweet
did your mother ever tell you
that the joyful are free

I need some lovin’ like an inmate needs a dime
I need some lovin’
like a poet needs a rhyme
here i stand in isolation
my empty hands in isolation
walking down the broken highway
sucking sugar cause it’s my way

find me one heart to complete with
heading for the farthest reaches
I need some lovin’
like a body needs a soul
I need some lovin’
like a fastball needs control
here i stand in isolation
my empty hands in isolation
strike up the band
in this proud land

got a lot to do got a lot to say
got a life to live
here I stand-
in isolation

autori: DAVID BOWIE, IGGY POP

In the Death Car, Iggy Pop

Il brano “In the death car”  fa parte della colonna sonora di Goran Bregovic per il film Arizona dream di Emir Kusturica, un film drammatico-surrealista del 1993 scritto e diretto da Kusturica e interpretato da Johnny Depp, Jerry Lewis, Faye Dunaway, Lili Taylor e Vincent Gallo. Pellicola che ha vinto l’Orso d’argento del Premio speciale della giuria al 43 ° Festival Internazionale del Cinema di Berlino.
Non ho ancora visto il film, ma questo pezzo ha sonorità etniche in dissolvenza molto gradevoli, e il testo non è da meno.  Se tanto mi dà tanto anche la visione non dovrebbe deludere

A bowling wind is whistling in the night
My dog is growling in the dark
Something’s pulling me outside
To ride around in circles
I know that you have got the time
Coz anything I want, you do
You’ll take a ride through the strangers
Who don’t understand how to feel
In the deathcar, we’re alive
In the deathcar, we’re alive
I’ll let some air come in the window
Kind of wakes me up a little
I don’t turn on the radio
Coz they play shit, like… You know
When your hand was down on my dick
It felt quite amazing
And now that, that is all over
All we’ve got is the silence
In the deathcar, we’re alive
In the deathcar, we’re alive
So come on mandolins, play
When I touched you
I felt that you still had your baby fat
And a little taste of baby’s breath
Makes me forget about death
At your age you’re still joking
It ain’t time yet for the choking
So now we can own the movie and see each other truly
In the deathcar, we’re alive
In the deathcar, we’re alive
I want to ear some mandolins