invisibile e muta come tagliente wakizashi

Dove sta scritto che qualcuno deve nascere necessariamente bersaglio?
Aboliamo gli  odi e i veleni, frecce sassi e dinamite e armi distruttive
di massa, compresa l’indifferenza, si anche quella è una potente arma,
silenziosa e subdola, micidiale serva del potere, letale e violenta
quanto la lama di wakizashi che sventra il senso vero della vita.
Forse solo così potremo sperare di vincere la vitale umana partita.

– Daniela Cerrato

Mario Carreno pittore cubano (1913-1999) La Sebastiana, 1976

Mario Carreño (1913-1999) La Sebastiana, 1976.jpg

Annunci

Pensieri deambulanti

L’andirivieni senza sosta è scorrere continuo
di flussi che incrociano altre urgenze
e tra indifferenze e urtanti scortesie
qualche figura più lieve si rivela
come timida margherita tra le ortiche,
un sorriso, capolino giallo intriso di sole
allieta con sua sostanza l’inquietudine,
il tormento che calza scarpe stanche
di inseguire tristi orme di anime assenti
.
– Daniela Cerrato, 2017

Photo by © Sevil Alkan

© Sevil Alkan

Umana indifferenza

Pigmentazioni cutanee
da radici diverse,
circostanze incomparabili
separano la gravità di sofferenze,
pianti del cuore, morbi devastanti
che segnano esistenze lontane,
occultate spesso per convenienza
( invero ignobile mattanza)
e tra le orribili affezioni
regna senza corona
l’indifferenza sovrana,
la disumanità di chi crede
che il mondo ad altri non appartenga
e tutto per sè mostruosamente fagocita
violentando anche la terra, la stessa
che diverrà, per assenza di lacrime,
rinsecchita e illacrimata tomba
di un suicidio elitario.

Daniela Cerrato, 2017