la tua canzone, Negrita

 È un secolo che piove
In questo buco di città
Gonfia di rimpianti
E di arroganza stupida
Anche tu in ostaggio
Di una lunga redenzione
Ti offro il mio coraggio
Ma questo viaggio tocca a te
È un biglietto per le stelle
Quello lì davanti a te
Cambierai la pelle
Ma resta speciale
Non ti buttare via
In questo inferno
Di ombre piatte
In questo vecchio luna park
Resta ribelle, non ti buttare via
Prendi una chitarra e
Qualche dose di follia
Come una mitraglia
Sputa fuoco e poesia
L’arma è a doppio taglio
Ti potrai ferire un po’
Non avrai un appiglio
Ma stai sveglio, tocca a te
È un biglietto per le stelle
Quello lì davanti a te
Cambierai la pelle
Ma resta speciale
Non ti buttare via
In questo inferno di ombre piatte
In questo vecchio luna park
Resta ribelle
Non ti buttare via
Sì, yeah
È il tuo biglietto per le stelle
Quello lì davanti a te
Ne vedrai di belle
Ma resta speciale
Non ti buttare via
Avrai clessidre senza sabbia
E reti per le acrobazie
Resta ribelle
Non ti buttare via
Volerai, lontano, lontano
Tutto è in movimento
Tra pause e mutamento
Crisi e rivoluzione
Sarà la tua canzone
Perché tutto è in movimento
Tra pause e mutamento
Crisi e rivoluzione
Sarà la tua canzone
La tua canzone

Compositori: Fabrizio Barbacci / Paolo Bruni / Cesare Petricich / Enrico Salvi