Anthem, Leonard Cohen

 

 

INNO

Cantavan gli uccelli
al levar del dì
Ricomincia daccapo
li sentii dire
Non indugiare
su quel che è stato
o che ancora non è.Saranno le guerre
combattute ancora
La sacra colomba
verrà catturata ancora
comprata e venduta
e comprata ancora
la colomba  non è mai libera .

Suonate le campane che possono ancora suonare
Dimenticate la vostra offerta perfetta
c’è una crepa in ogni cosa
È così che entra la luce.

Chiedemmo dei segni
i segni furono inviati:
il natale tradito
il matrimonio esaurito
la vedovanza
di ogni governo –
segni che ognuno può vedere.

Non posso più correre
Con quel branco senza legge
mentre gli assassini negli alti lochi
recitano le loro preghiere ad alta voce.
Ma hanno chiamato a sé
una nube tempestosa
E avranno mie notizie.

Suonate le campane che possono ancora suonare
Dimenticate la vostra offerta perfetta
c’è una crepa in ogni cosa
È così che entra la luce.

Potete sommare le parti
Ma non avrete il tutto
Potete attaccare la marcia
Non c’è il tamburo
Ogni cuore, ogni cuore
verrà all’amore
ma come un fuggiasco.

Suonate le campane che possono ancora suonare
Dimenticate la vostra offerta perfetta
c’è una crepa in ogni cosa
È così che entra la luce.

Suonate le campane che possono ancora suonare
Dimenticate la vostra offerta perfetta
c’è una crepa in ogni cosa
È così che entra la luce.
È così che entra la luce.
È così che entra la luce.

-Leonard Cohen

Annunci

Leonard Cohen /Fabrizio De Andrè

Il brano di Leonard Cohen “Famous Blue Raincoat” è una sorta di lettera indirizzata all’uomo che era stato l’amante della moglie e a commento del testo riporto le dichiarazioni dello stesso Cohen tratte da un’intervista del 1994 alla BBC:

“Il problema di ‘Famous Blue Raincoat’ è che ho completamente dimenticato con chi fosse il triangolo amoroso. Che fosse il mio è certo. Ho sempre avvertito la presenza di un uomo invisibile che seduceva la donna con cui stavo; ora, se fosse un uomo vero o un’invenzione della mia mente, non ricordo. Ho sempre pensato di giocare quel ruolo nella relazione di un’altra coppia o che ci sarebbe stata una figura di quel tipo in relazione al mio matrimonio. Non mi ricordo bene (ma avevo questo sospetto che ci fosse sempre un terzo partito, a volte io, a volte un altro uomo, a volte un’altra donna)”.

Di questa splendida canzone esiste la traduzione italiana di Fabrizio De Andrè che ha ribaltato la vicenda al femminile,visto che è stata scritta per Ornella Vanoni e ha preso il titolo “La famosa volpe azzurra”
Vi lascio all’ascolto delle due versioni senza dirvi quale sia la mia preferita…buon ascolto, e per chi volesse leggere i testi di entrambe può trovarli a questo indirizzo:

http://quattrostracci.altervista.org/cantautori/testi/famous.htm