Di rose e di felci

Era gìà di carezza calore
la certezza di vederti
per incontrar le tue parole
e i tuoi silenzi tesi all’ascolto,
con tono discreto indagavi
sugli affari miei, anche di cuore,
coglievi reticenze ed ombre
di delusioni sul mio viso,
sempre pronta a consolarmi
o a condividere la gioia
che non riuscivo a contenere;
ed io tentavo di sminuire
i tuoi dubbi e i tanti affanni
che disturbavano la pacatezza
al tuo sguardo ed al tuo dire.
Nello scorrere degli anni
assenza non muta, anzi cresce,
dei tuoi grandi occhi verdi,
splendidi toni di viva felce
sgranati per stupore
o contratti per dolore;
ci raccontammo molte cose
tra poche spine e tante rose
ma non riuscirò mai a dirti
madre mia, chè manca metro
di misura, l’ampiezza del vuoto
che lasciasti da quell’aprile,
e seppur è noto della vita il fine,
il distacco s’empie di nostalgia
e talvolta muove il mio pianto,
non solo in questa poesia
che d’infelicità è canto.

Daniela Cerrato, 2017

tumblr_oq8ibxZUIt1ripa0eo1_540

Annunci

Ricordi afachici

Reticoli di memoria
ormai labile
mi ricollegano
a istanti sfumati
colori suoni
profumi e luoghi
si intersecano.
Nella nebbia del tempo
solo la tua voce
il tuo sorriso
oh madre mia
il tuo viso
mi par di toccare
se allungo le dita
verso la tua ombra
che mi par di vedere.

Daniela,settembre 2016

Immagine di Ernst Haas, “Drops in Coral

ernst-haas-drops-in-coral-1963