Aria di temporale

Le vie del cielo questa sera
sono cupe, simili all’asfalto
del terreno, e dai borbottii
che si avvertono in remoto,
voci cavernose e lugubri,
pare presagio di finimondo.
Anche i cani irrequieti
guaiscono senza motivo, o forse
col loro istinto avvertono l’arrivo
di fulmini e saette; anche il pino
del giardino ha l’aria mesta
e dondola la cima indispettito
dall’aria fredda e umida ch’è desta.
Serata da coprifuoco, quasi autunnale
e che dire di questo maggio…
pare proprio sia messo male!

Daniela Cerrato, 2017

20130521-201539.jpg

Oscurità

Nell’oscurità infittita
dal maltempo incombente
si affacciano ombre scure
sul lago calmo.

Un’onda leggera e vibrante,
mossa dai miei passi
proietta riflessi cupi.

In questo sdoppiamento ottico
di piante allineate
si muovono furtive
le creature sul fare della sera.

Dal cielo carico di nubi
giunge l’invito a cercare riparo
nel fine giornata estivo
Daniela Cerrato,2015