Estatiche azzurrità

Ci sono azzurrità che confondono
poichè si uniscono, si fondono
in una sorta di osmosi,
tanto che non è certo
ove stia l’una o l’altra materia.
Nella catarsi  entro cui
esse ti avvolgono,
ti perdi e poco importa
se volerai in mare
o ti tufferai nel cielo.
Le immensità danno pace,
liberano e anestetizzano
l’acuità dei dolori,
e tu, rapito di fronte
alla vastità, come quella
delle desertiche dune,
ti ritrovi granello sparso
tra tanti altri di siffatta
vita, e l’appartenenza ad aria
acqua e terra è tal meraviglia
ch’anche il fuoco non ti fa paura.

Daniela Cerrato, 2017

beach-1846694_960_720

 

Annunci

Eternamente

Integrità si sfalda
di crepa in crepa
il tempo incide
al suo passaggio,
sgretola la materia
come cruda argilla
la vìola, la intacca,
come tarlo incurabile
prosegue nel suo logorìo
ma anche quando il tuo volto
cadrà nel sonno perenne,
e altra vita scorrerà
tra le maglie del tempo,
la tua bellezza rimarrà
inalterata nella mente
di chi intatta conserverà
la tua energia riflessa.

Daniela Cerrato, 2017

Foto di Sak :  https://www.flickr.com/photos/zak3000

sak foto

 

Spiriti

Anime a raccolta
entità celesti
volteggiano eteree
compenetrando  materia
aggregandosi tra loro
in un raduno silente
nel giardino
ove un tempo passeggiavano
in vesti maliziose.
Ritrovano percezioni remote
profumi sonorità
ragione di sospiri
dal sapore nostalgico
per quando in vita
fruivano di gioie
e concretezze tangibili
mentre ora  essenziale nudità
non concede  lacrima
per assenza di corpo
e di suo tangibile impiego.
Tra un fruscìo di fronde
e una brezza leggera
nell’oscurità
rinnovano impressioni
di una realtà perduta
ora che  avvolte di pura energia
godono d’immortale astrazione.

Daniela,2016

Yana Moskaluk, “Poison Garden”

yana-moskaluk-poison-garden

Quel segreto da carpire

Luoghi,
punti fermi
in quiete
quasi indisturbata
vantano
inossidabile fascino
rassicurati
dalla loro essenza
per radicata appartenenza
alla terra.
L’uomo
punto mobile
in affanno frequente
con un tempo
che infierisce
su corpo ed animo
artefatto dalla materia
che piega a sofferenze
è spesso insoddisfatto;
se mai riuscisse
a carpire ed iniettarsi
nelle pulsanti vene
parte di quiete
che certi luoghi emanano
godrebbe forse
della vera felicità.
Daniela,agosto 2016

Salento, Baia dei Turchi

Salento, baia_dei_turchi

Creazione

Creta malleabile
si scalda
fra mani feconde
offrendo loro
duttile morbidezza
dispensando sensazioni
di tattile piacere.
Scorre tra le dita
modellandosi e acquisendo
un primitivo abbozzo
per andar via via
a creare consistenza
e forma precisa.
Un plasmare paziente
che dà vita a un volto
congiunto a un nome,
una storia un ricordo
o semplice proiezione
della mente ideatrice,
cui si aggiungono
per estrosa magia
ghirlande floreali
e delicati ornamenti.
Allorchè terminata
la novella figura
è pronta a stupir
chi per l’arte s’incanta.

Daniela,febbraio 2016

Artwork by © Gosia fine art
Gosia fine Art