Kenro Izu,fotografo giapponese

MG_7089.jpegKenro Izu è un artista giapponese nato ad Osaka nel 1949 e trapiantato negli Stati Uniti dove si recò nei primi anni ’70.
Nelle sue opere mostra la bellezza spirituale della natura,attraverso paesaggi armonici,fiori e corpi nudi,quasi fossero frutto di una meditazione zen.
I suoi scatti ponderati e studiati riflettono molto la cultura orientale che tende a voler suscitare focalità e attrazione sul dettaglio di un immagine, dando vita così a profonde riflessioni.
La sua visione personale del mondo iniziò con un viaggio alle piramidi egiziane, poi nel Bhutan e successivamente in India,dove ha trovato naturali spunti per immagini concentrate sulla spiritualità dei luoghi e sulle persone spesso in atto di preghiera.
Ha immortalato diversi luoghi sacri in Siria, Giordania, Inghilterra, Scozia e Messico oltre naturalmente ai luoghi in cui ha concentrato maggiormente le sue energie,cioè nei siti buddisti e indù.
Per le stampe utilizza la tecnica del platino palladio,uno dei materiali più resistenti in natura che mette in risalto particolarmente il bianco e nero, le ombre e le luci.
Impegnato anche nel sociale,ha ricevuto il riconoscimento per aver
migliorato la salute dei bambini di alcuni paesi.Grazie ai suoi scatti è riuscito a dar vita a un’organizzazione non governativa che si chiama “Friends without a border”,impegnata nel miglioramento delle condizioni di vita dei bambini che vivono soprattutto in Cambogia e in Laos.
Il resto lo lascio raccontare alle immagini.

by-Kenro-Izu

Kenro Izu 1996 INS 15. 8x12

05_bhu_250_s

kenro-izu-mostra-milano.jpeg

kenro izu 8

 

 

Konstantinos Maleas (1879-1928)

Proseguendo nella ricerca di artisti a me sconosciuti,nel web ho scovato un pittore che trovo interessante: è Konstantinos Maleas (1879-1928) che è stato uno dei più importanti post impressionisti greci.
Nato a Istambul,non fece parte del circolo artistico ateniese,ma studiò al collegio greco-ortodosso di Fanar prima di partire per Parigi dove si recò per studiare architettura,ma poi i suoi studi si orientarono totalmente verso la pittura sotto la guida di Henri Martin.
Tornato in Grecia nel 1913,divenne membro fondatore del gruppo d’avanguardia, che importò l’arte contemporanea internazionale in Grecia; illustrò il primo libro-alfabeto nella nuova lingua greca moderna Demotiki e scrisse articoli per diverse riviste d’arte.
Le sue opere sono principalmente caratterizzate da paesaggi,nature morte in una rappresentazione della natura influenzata dai lavori di Cezanne,Gauguin,Van Gogh e anche da qualche influenza simbolista e fauvista. La sua tavolozza è composta da toni molto chiari e luminosi con preferenza di colori caldi legati alla terra.
Viaggiò sia nell’Europa dell’ovest che in Egitto e Palestina,da cui trasse spunti per alcune delle sue tele;molti dei suoi lavori si possono ammirare alla Galleria Nazionale di Atene.

Orpheus and Pegasus

Orpheus & Pegasus 1 Maschi

Pantanassis Naxos

Pantanassis Naxos, Konstantinos Maleas

The Port of Rhodes

Konstantinos Maleas (Greek 1879-1928), The Port of Rhodes

Pine trees

maleas-pine-trees-in-halki.jpeg

Still life with red snapper,Naxos 1920

maleas-still-life-with-red-snapper-naxos-1920

Dance of the stars

Maleas-dance-of-the-stars.jpeg

Insieme a te

Adagiata ai tuoi piedi
nell’oscura umidità
mi sentivo sola
e un giorno
stiracchiandomi,
timidamente
mi sono accostata
al tuo tronco possente
per trovar sostegno,
ti ho abbracciato
e accarezzato in silenzio,
con movimenti lenti
ho avvolto la tua pelle
con la mia veste
divenuta audace,
determinata a proseguir
verso il cielo
che sogno di toccare
insieme a te
un giorno.
Daniela,dicembre 2015

 

 

Madre natura

Ondeggian gli steli,
le azzurre coppe
si increspano
al destare del vento,
l’aria scortese scompiglia
le fragili consistenze
mentre il cielo
muta il celeste volto
in un grigio pallore.
Nell’osservare questi fiori
delicati e vulnerabili
nasce il pensiero
che anche la natura
al pari di altra madre
può essere dolce o severa
verso le proprie creature
a cui non resta che obbedire
rispettosamente.

Daniela,dicembre 2015

 

 

Acrostico: Fiore di ortica

Fra cespi di rigogliosi prati
Innumerevoli son le erbe.
Oltre i fossi sparso ovunque
Risalti poco in verdognoli grappoli
Evitato per le foglie che ti avvolgono
Disturbanti e urticanti
Invero altresì
Osannato per i benefici,
Raccolto accuratamente per
Tisane e decotti,
Immolato sei per tradizione
Come insignificante Cenerentola
Amore e odio della vegetal natura.
Daniela 2015.