Compiacenza (in triplice senryū)

Fu amor vero
ma nel corso del tempo
cercò suicidio.

Non volle fiori
non pretese compianto
desiò svanire.

Così la sorte
accontentò infine
sua volontà.

– Daniela Cerrato, 2017  (immagine libera da copyright)

statue-2732143_1920

Annunci

Acrostico # spam

Spesso non si considera che le parole scritte
Possano esser cestinate senza regole precise
A me pare per giunta che gli elettronici cestini
Mostrino d’esser lasciati ai loro obliosi destini

Daniela Cerrato, 2017

cestino-della-carta-straccia-ruzzolato-dell-ufficio-28879353.jpg

Galoppo tardivo

Da tempo infinito
dimenticato in soffitta
tra vari oggetti dismessi
attendi quel bimbo
che un dì smontò da sella
nell’ ultima corsa
della sua infanzia monella
altri giochi scalzarono
il dondolìo cullante
del tuo legno robusto
che sotto polvere mostra
gli inalterati colori,
che strana la vita or quando
dalle stelle alle stalle
muta fulminea condizione,
tu sei sempre lo stesso
pronto a muovere il passo
eppure immobile resti
ad attendere ancora
speranzoso di udire
chissà, forse un giorno
qualche risata dintorno
una mano che rimuova
quello strato di oblìo
e ti doni aria nuova
per un galoppo tardivo.
— Daniela Cerrato,2017         _________    Immagine da web

ad271f48-67e2-11e6-8655-ff81f7e1f30c

Totale abbandono

Tutto è fatiscente
ombra tragica di un passato
ogni graffio è una lacrima
per l’impietoso abbandono,
cocci sparsi di storie
di cui tappezzerie lacerate
erano intrise.
Quasi indenne resiste
la solitaria tastiera
del pianoforte ferito,
nostalgica rimpiange
le flessuose agili dita
che l’accarezzavano ispirate
da melodie lasciate all’oblìo.
Daniela,16 settembre 2015

Grand Hotel Regnier (Belgio). Photo by Kiekmal

Grand Hotel REGNIER. by Kiekmal ,piano

Labirinto di pensieri

Spesso siamo prigionieri
dei nostri pensieri,
la nostra mente
è un labirinto di idee
che si aggrovigliano
mescolandosi fra loro.
Alle porte della notte
quando i neuroni
necessitano quiete
il traffico continua
non c’è sosta
nè via d’uscita
da questo ginepraio,
finchè si perde il filo,
tutto si opacizza
e finalmente esausti
cadiamo in un’oblio
provvidenziale e ristoratore.
Daniela Cerrato,2015

Artwork by Toni Pecoraro, Labirinto

pecoraro_labirinto22b_labirinti