Sulle note del tuo profumo

Quei tre pini allineati di media grandezza parevano gemelli, le loro teste si sfioravano e da una certa distanza creavano l’effetto ottico di un’unica chioma con tre sottili tronchi. Sentinelle sulla riva del piccolo lago che di sera diveniva una darsena di silenzio, in cui una famiglia di anatre traeva frescura, protetta da una semioscurità in cui si perdeva la pennuta scia. Il cielo striato del tramonto conferiva alla superficie, in parte illuminata dalla luna, riflessi caldi e variegati. In attesa della sensualità della notte lo spettacolo era lì, si offriva a noi, nella sua naturale magnificenza, cartolina animata che mi è rimasta nel cuore, intatta, sino ai bordi. Era di giugno, era il millenovecentonovantanove e l’aria raccoglieva le note del tuo profumo che aveva il nome della città eterna.

Daniela Cerrato, 2017

Annunci

Spensi le luci

Il battello aveva acquistato velocità, seguendo la rotta abituale, ma la mia mente era già oltre la meta di tutti i naviganti, me compresa, che invece di osservare la bellezza
degli storici palazzi lungo il fiume, tormentata da un malessere continuo, mi domandavo cosa facessi lì, proprio lì, in compagnia di qualcuno che improvvisamente era divenuto estraneo al mio mondo.
L’afa aumentava il disagio, tanto che a breve anche le idee si sciolsero;  osservando lo spostamento dell’acqua e  i suoi mulinelli,  anche i pensieri iniziarono nuovamente a muoversi e a galleggiare, su quella schiuma sporca e viscida, come le ombre che ripresero a tormentarmi quando posi nuovamente i piedi  a terra. Il saluto freddo che ci riservammo fu l’ultima nota di una triste canzone.
Da quel momento spensi per sempre le luci su quell’insulso amore.

Daniela Cerrato,   2004.