Quote di respiro

Piccola grande pace
in manciate di  solitario respiro,
l’avvolgente profumo in vasca
il morbido manto del gatto
che ricambia affetto con fusa,
tenera visione del letargo d’un ghiro
la vegetazione di un bosco
in tremule presenze,
la penombra di una stanza
con le sue temporanee assenze,
lungo un lido deserto
all’alba di un clima autunnale.
Cerco pace tra fluttuanti movimenti
di uno scacciapensieri che oscilla
nel riflessi blu di un fluente uadi;
perdermi nel volo di rondine o farfalla
quello il senso di profonda quiete,
veste dell’anima che ha sciolto i nodi
tra i fili di entità ingarbugliate.

Daniela Cerrato, 2017

Respiro passante

Ha respiro tiepido passante
che attraversa l’anima
il gioco di dita aracnidee
che scivolano al pari di ombre
sull’infinitesima peluria,
posano setosi fili invisibili
di lievità trepidante,
sfarfallii di leggendaria grazia
che coprono le membra, tutte,
di amorevole dorato intrico,
magia che non lascia assenze
anche quando apro gli occhi
e mi accorgo che non ci sei.

– Daniela Cerrato, 2017  – (Immagine da web rielaborata)

Soekie-Gravenhorst-by-Emma-Tempest-1

Mancato respiro

Sarebbe mancato respiro
nascondersi dietro un fiore
se il pensiero deviato
diviene assillo
sfida falsa vergogna
per la maliziosa intesa
di occhi che si scrutano
attraverso pori dilatati
che lacerano vesti
di iniziale titubanza,
si trasformano furiosi
in labbra dita verga
e affondano nella carne
che cede arrendevole
pari al pensiero.

Daniela,2016

Fotografia di Mark Arbeit

mark-arbeit

Chi sei?

Chi sei tu
che ti stai cercando
tra le anime vaganti
nei cieli eterni
affollati da secoli.
Chi eri
in chi ti ritroverai
smarrito corpo
in cerca d’identità
disperazione e desiderio
in continua esplorazione
dell ‘io perduto,
nuda pelle
che anela il soffio
di un’antico respiro.
Fra la tua gente
un dì riconoscerai
la fiera appartenenza
e cesserai il tuo vagare
vuoto e inconcludente.
Daniela,aprile 2016

“Nude with mask”,foto di  Lucien Clergue- N.Y. 1979

Nude with Mask, New York 1979 --The urban nude series

Abbraccio

In un’abbraccio s’abbandona il mondo
s’accantonano paure, tensioni e dubbi
ci si allaccia a sfere d’umore di vari colori,
delicati per tenerezza accesi per passione,
la mente s’arrende, il cuore prende il ritmo
dell’altrui cuore e nulla interferisce
nel sicronizzato respiro degli amanti,
intimamente soli,  inabissati in apnea di pace.

Daniela,dicembre 2015