Fronde di salice

Fronde di salice
mosse dal vento,
sotto di esse
qualche insetto gode
la dolce frescura
e quel grande sombrero
calato sugli occhi
della terra accaldata
offre riparo alla pioggia
improvvisa e violenta
del temporale estivo,
che battente acciacca
aster e lavanda che
della grande aiuola
son vivace pittura,
ma il sole torna
e di lì a poco
si rianima anche l’erba
tra l’accresciuto profumo
e in questa concentrazione
di sentori misti
si respira l’estate.

Daniela Cerrato,2017

Dipinto di Claude Monet,1918

claude-oscar-monet-weeping-willow

Gocce

Cadono lente
lacrime di pioggia
cerchi concentrici
si propagano
sulla superficie del lago
dapprima piccoli
poi si allargano
muovendo
le immagini riflesse
che si animano
sotto un ritmo costante.
Altre gocce
poi altre ancora
ora è vero scroscio
e sotto un salice
dal grande cappello
contemplo questo momento
di vivida natura.
Daniela,2016

Fotografia di Giuseppe de Giacometti

giuseppe-de-giacometti

Oscurità

In un’oscurità infittita
dal maltempo incombente
si affacciano ombre scure
sul lago calmo.

Un’onda leggera e vibrante,
mossa dai miei passi
lievemente ondeggianti,
proietta riflessi cupi.

In questo sdoppiamento ottico
di piante allineate
si muovono furtive
le creature sul fare della notte.

Dal cielo carico di nubi
giunge l’invito a raggiungere riparo
in questo fresco epilogo
di giornata estiva.
Daniela Cerrato,2015