Grandi fotografi: Sebastiao Salgado

sebastiao-salgado-terra SSalgado3 04-3-291-62-1024x736 6 7 188-av-sebastiao-salgado-3 765DFB15EF1549418D0FCE957C69E23223653587-23653589-large  salgado4 salgado_covers sebastiao_salgado_coal_mine_india_high_resolution_desktop_3543x2351_wallpaper-1024358-1024x679 sebastiao-salgado-4

Sebastiao Salgado, famoso fotografo brasiliano, dopo una formazione universitaria di economista in seguito ad una missione in Africa diede una svolta alla sua vita.

Sensibile agli aspetti umanitari e sociali ,grande viaggiatore, per sei anni è stato in America Latina per documentarsi sulla vita delle campagne; su questa esperienza ha pubblicato il libro “Other Americas”.
Dal 1993 al 1999 Salgado lavora sul tema delle migrazioni umane e i suoi servizi fotografici sono pubblicati da molte riviste internazionali.
Le sue immagini sono di una bellezza senza tempo, intense,  giocano sui contrasti del bianco & nero; parlano di natura, animali ed esseri viventi , di foreste tropicali amazzoniche, di ghiacciai dell’Antartide, di deserti dell’America e dell’Africa e le montagne dell’America, del Cile e della Siberia.
Tra il 1986 e il 2001 si documenta sulla fine della manodopera industriale su larga scala nel libro “La mano dell’uomo”; poi documenta l’umanità in movimento, non solo profughi e rifugiati, ma anche i migranti verso le immense megalopoli del Terzo mondo, in due libri di grande successo:” In cammino” e “Ritratti di bambini in cammino” . Grandi mostre itineranti accompagnano sempre l’uscita dei suoi libri.