Sogno di terre lontane

Impossibile non perdersi
nei viaggi improvvisati
dei sogni notturni,
ogni volta è un gioco,
un’avventura, è libro illustrato
di favole che prende vita.
Ho come unica guida il fioco suono
di un flauto, appena percepito,
che accompagna i miei sandali
meravigliati, sospinti su suoli
mai percorsi prima, molte volte
immaginati, forse desiderati.
Nessuna meta, è un vagabondare lento,
attento, ogni incontro si fa sorpresa,
tra mercanti, faccendieri, artisti
pelli diverse, sangui misti,
mosaici di emozioni che si compongono
strada facendo, andando, osservando.
Terre lontane che si rivelano
nei loro profumi indigeni,
di spezie, incensi e intensa vita
e ogni volta un nome, un dettaglio,
un volto, una stoffa, entrano a far parte
della memoria, sì che li riconoscerei
uno per uno quando desta li configuro,
ed ogni angolo laddove scorto
potrebbe divenire rifugio vero
da questa realtà misera che perde corpo.

– Daniela Cerrato, 2017

Art by Andrey Remnev

Andrey Remnev

Oggi il mare è calmo ma…

Oggi il mare è calmo
ma si racconta che un tempo
popolato d’acquatici mostri
era pure un grande incubo
per pescatori e naviganti.
Enormi creature
dal possente corpo
e fauci inquietanti
s’aggiravan tra gli stretti
a dispensar le furie
schiaffeggiando le carene
con colpi della caudale pinna
e i legni sfiancati
dopo tentata resistenza,
s’innalzavan per sprofondar
tra i flutti agitati
che tutto inghiottivano.
I più fortunati
scampavano al naufragio
per fortunata fatalità
di un momentaneo riposo
delle feroci figure,
ma la paura di subirne
il violento attacco
non era mai sopita.
Son racconti tramandati
di voce in voce
e da opere di esimi autori
che ne descrissero presenza.
Oggi il mare è calmo
lo si può osservare
da un porticato in degrado
ma il pensiero vaga
a immaginar altro scenario,
quello spaventevole e tragico
raffigurato a muro,
di uomini che lottano
con marosi ed orrori.
Oggi il mare è calmo,
forse quei mostri
sono solo a riposo.

Daniela,gennaio 2016

Murales di Andrea Casciu che ho avuto modo di conoscere sulle pagine del blog di Barbara Picci che ringrazio.

andrea-casciu-sardegna

Leggo e mi emoziono…

La lettura è un toccasana che distrae da personali monotonie, conduce al di là dei propri confini, fa sognare,immaginare, tiene compagnia in un mistico silenzio
carico di riflessioni e viaggi della mente, ci spinge ad interagire incuriositi
dai luoghi e dai protagonisti delle storie.
Senza limiti di tempo di spazio, come in una macchina del tempo, attraversiamo le loro storie avvincenti,eccitanti, tristi o gioiose e del profondo pathos che ci avvolge diventiamo schiavi fino all’ultimo rigo.
E quasi di sorpresa dopo diverso tempo dalla prima lettura riprendiamo il libro dallo scaffale e ci tuffiamo nuovamente in quella storia così toccante per rinnovarne le insite emozioni o cercare altre chiavi di lettura che ci erano sfuggite. Il contenuto non è cambiato, la nostra interpretazione, il nostro viaggio attraverso le sue pagine si.
Le emozioni sono infinite.
Daniela 2015