vetrina fotografica: William Gedney (1932-1989)

Cresciuto nello stato di New York, si trasferì a Manhattan all’età di diciannove anni per frequentare il Pratt Institute ove scoprì il suo interesse per la fotografia. Nel 1955 si laureò e lavorò per due anni presso Condé Nast prima di spostarsi a Brooklyn, lavorando come freelance e assumendo lavori part-time. Nel 1961, è stato assunto da Time, Inc.risparmiando abbastanza soldi per viaggiare nel Kentucky orientale, trovando la strada per una città mineraria ove prese ispirazione per nuovi scatti. Tra la metà degli anni ’60 e gli anni ’70, Gedney ricevette quattro importanti borse di studio per l’arte, la prima di queste gli permise un viaggio attraverso il Midwest fino alla California. Si stabilì nel quartiere Haight-Ashbury di San Francisco, dove fotografò i vagabondi che passavano. Poco dopo, a Gedney furono offerti posti di insegnamento di fotografia sia alla Pratt che alla Cooper Union. Pochi mesi dopo aver iniziato a insegnare, grazie alla borsa di studio Fulbright è partito per il primo dei numerosi viaggi in India, che hanno avuto un effetto permanente sulla sua anima. Chiese che dopo la sua morte i libri e le macchine fotografiche a lui appartenuti fossero consegnati a una delle istituzioni educative dell’India. Suo fratello, Richard Gedney, li ha donati al Chitrabani Art College di Calcutta. Le sue fotografie e i suoi taccuini sono stati dati da Lee Friedlander e Richard Gedney alla Biblioteca di libri rari, manoscritti e collezioni speciali della Duke University. Gli scatti di Gedney sono stati esposti in numerose mostre collettive, tuttavia il suo lavoro ha acquisito slancio ed è stato ampiamente riconosciuto solo dopo la sua morte; ha avuto solo una mostra personale durante la sua vita e nonostante abbia ricevuto apprezzamenti da noti fotografi dell’epoca, Walker Evans , Diane Arbus , Lee Friedlander e John Szarkowski, è rimasto un artista sottovalutato dalla sua generazione. Di seguito alcuni dei suoi scatti più significativi, per lo più riguardanti i suoi viaggi in India.