KIKI SMITH – What I saw on the road a Palazzo Pitti

ARTBLOG

E’ stata inaugurata sabato 16 febbraio la personale di una delle protagoniste dell’arte contemporanea internazionale. Kiki Smith (Norimberga 1954) espone la mostra ” What I saw on the road” negli spazi dell’Andito degli Angiolini di Palazzo Pitti.

View original post 280 altre parole

Aligi Sassu il rosso (Reblog)

un’artista che amo molto per la grande dinamicità presente nelle sue opere e per i colori, vivi, sanguigni, passionali che catturano alla prima occhiata per condurre in scenari sia reali che mitologici. Dal sito quellodiarte.com

www.quellodiarte.com

La prima esperienza con l’arte, Aligi Sassu (Milano, 17 luglio 1912 – Pollença, 17 luglio 2000) la fa a sette anni grazie a Carlo Carrà, amico del padre partecipa all’Esposizione Nazionale Futurista presso la Galleria Moretti di Palazzo Cova insieme ai più grandi futuristi e le giovani leve.

View original post 333 altre parole

Un lungo sogno fatto di vetro, resina e inchiostro: ecco l’arte di Annalù

Le opere straordinarie dell’artista Annaluigia Boeretto,mi hanno immediatamente entusiasmata per la loro raffinatezza,le trovo frizzanti,vitali e originali.Perciò rebloggo!

The Parallel Vision

Le sue opere sono famose in tutte il mondo e Colossal non poteva non riprendere l’arte suggestiva e poetica di Annaluigia Boeretto, per tutti Annalù, artista di San Donà di Piave in provincia di Venezia, che vive e lavora nella sua casa palafittata sulla riva destra del fiume Piave.

Annalù, classe 1976, si diletta con resina, carta, inchiostro, cenere, grafite, vetroresina. E quello che esce dai materiali plasmati dalle sue mani sono veri e propri gioielli di eleganza carichi di evocazione, che vi mostro qui oggi in tutto il loro splendore.

annalu-boeretto-1 Annaluigia Boeretto, in arte Annalù

Godetevi le sue opere, allora. Di cui troverete i cataloghi completi sul suo Sito Ufficiale con nomi, dimensioni e prezzi. Oltre a tante altre informazioni sulle mostre passate e quelle in programma per il futuro, come la sua presenza con “Frozen Istants” ad Hong Kong per “Italia Bellissima“, presso la

View original post 27 altre parole

Klimt e l’evoluzione del ritratto

Spunti sull'Arte

Ecco il primo articolo scelto dai voi lettori attraverso un sondaggio. Sondaggio che prevedeva la scelta di un artista tra: Klimt, Courbet e Caracci. Ha vinto Klimt.
Per rimanere costantemente aggiornati ai prossimi sondaggi, vi invitiamo a seguire frequentemente questa pagina: https://spuntisullarte.wordpress.com/perche-questo-blog/sondaggi/

Nella sua produzione artistica, passando dallo storicismo accademico (di sua formazione) al modernismo internazionale, Klimt ha lavorato su molti temi tra i quali, fra tanti, ricordiamo: le allegorie, i disegni, i ritratti e i paesaggi.
Ho deciso di soffermarmi sui ritratti, perché si evince un’evoluzione sulla ritrattistica, che va dagli anni di fine Ottocento, caratterizzati da un forte realismo di impostazione classicista,  fino ad arrivare ai primi del Novecento, in cui il realismo del ritratto comincia ad essere impreziosito da elementi astratti e decorativi.

Ma vediamo nel dettaglio questo passaggio di stile, attraverso la visione di due opere realizzate per il volume Allegorie ed emblemi:

Nel primo una fanciulla, che impersona la…

View original post 770 altre parole

Living in the Amsterdam School

Rilancio l’articolo per gli amanti e gli appassionati dell’art nouveau / decò tra cui si colloca questo movimento di Amsterdam.Uno stile che ha interessato sia l’architettura che il design d’ arredamento nel primo trentennio del ‘900.

About Art Nouveau

Amsterdam School interior of collector Richard Hopman. Photo Petra and Eric Hesmerg Amsterdam School interior of collector Richard Hopman. Photo Petra and Eric Hesmerg

Design for the Interior 1910 – 1930

More than a year ago, I stumbled upon a YouTube video on Twitter. The curator of the Stedelijk Museum in Amsterdam, Ingeborg de Roode, asked viewers to submit photos of their Amsterdam School furniture. I have an Amsterdam School mirror! I realised, and sent her my pictures. I got a reply back thanking me for my contribution. My mirror was not selected for the exhibition, but all contributions, De Roode assured, were considered valuable in the investigation.

Let me explain the Amsterdam School movement. According to the leaflet handed out during the exhibition The Amsterdam School was an exuberant style of architecture and design that was unique to The Netherlands. The movement emerged after the New Art and Art Nouveau schools, and is regarded as the highly original Dutch correlative to the lively international…

View original post 830 altre parole

Agata, ultima puntata

Il mondo dei minerali è affascinante perciò rebloggo volentieri questo interessante articolo corredato da immagini strepitose

Mme3bien

Ripartiamo con un’altra agata molto, molto interessante: il corallo agatizzato. Come riconoscerla? Semplice, dai disegni che forma, detti SETTI, che sono i segni del corallo che fu. Anche questa è un’agata fossile.

Corallo agatizzato!

Andiamo avanti. Altra agata interessante, è l’agata dendritica che forma delle vere e proprie arborescenze, modificando fortemente la sua natura. Se il raffreddamento della “roccia” è avvenuto in modo veloce, le dendriti appariranno grandi, viceversa, quindi lentamente, saranno più piccine. Pietra bella massiva, ma traslucida è un POEMA e l’ Uruguay ha, direi, le più belle e di qui cabochon dalla bellezza senza fiato.

A questo proposito, faccio una piccola trasgressione, parlandovi del calcare dendritico, più precisamente del CALCARE LITOGRAFICO,che non è usato per fare gioielli, ma è un gioiello per la vista. Ed e’ in Baviera, Germania, che esiste un luogo magico per gli amanti del genere. Il luogo si chiama Solnhofen, lì son stati rinvenuti calcari…

View original post 233 altre parole

Le ceramiche a pezzi di Martin Klimas

Rilancio questo post ringraziando Chiara Lorenzetti per avermi fatto conoscere questo artista,mi piace molto la dinamicità catturata che crea immagini originali e alimentano il pensiero e la curiosità di come poteva essere l’attimo prima e come sarà stato quello successivo della scena,lasciando all’immaginazione la risposta.

squarcidisilenzio

Arte è ciò che rappresenta il nostro modo di essere, il mettere a frutto talenti e creatività, in una mescolanza spesso ardita.
Martin Klimas è un fotografo. Curioso del nuovo e delle sperimentazioni, appresa la tecnica della fotografia “ad alta velocità” di scatto, l’ha applicata su statue in ceramica nell’atto della loro distruzione.
Il risultato è puro movimento, un fermo immagine che narra una storia nell’attimo esatto del suo accadimento.

Chiara

Link utili

Il sito di Martin Klimas http://martin-klimas.de/de/index.html
Il sito di Art People Gallery http://www.artpeoplegallery.com/ da cui ho appreso la notizia.
La pagina Fb di Art People Gallery https://www.facebook.com/artpeople1/

View original post