Con le mani nei capelli


A breve neppure gli angeli
oseranno ancora guardare
ciò che accade quaggiù,
nella spregevole bolgia
spalmata d’ogni barbarie;
a ben altri tempi
va la loro memoria,
quando la sacralità
d’ogni vita pulsante
non era rifiuto comune
da cassonetto urbano,
nè urlo d’odio verso
chi tende la mano.
Pare che agli angeli ora
stia cedendo misericordia
verso gli spietati mortali,
chè di nulla si pentono,
anzi, ridono e si vantano
del loro freddo cinismo
e tronfi d’ indegna esistenza
con suole intrise di peccato
valicano pieni di ipocrisia
le soglie di antichi templi.
Così le creature celesti
con le ali piegate, avvolte
intorno ai fianchi, sconvolti,
affranti e impietriti bivaccano
su nuvole da loro purificate,
chè anche le esalazioni
di fetidi luttuosi  vapori
giungono sin lassù, ove l’umanità
non guarda più col cuore terso
ma con interessi d’altra natura.

Pur coscienti dell’abissale dimenticanza
che breve unicità ha vita terrena
con arroganza, se si può dire… serena,
d’essa sprechiamo l’onesta affittanza.

Daniela Cerrato, 2017

Dettaglio sculroreo di Adolph Alexander Weinman (1870-1952)

Adolph Alexander Weinman (1870-1952), La Nuit Tombante 1914

Pubblicato in Poesia, Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , | 3 commenti

Nell’atrio di una domus pompeiana: a Vetulonia, nella mostra “L’Arte di Vivere al tempo di Roma” si scoprono tesori e oggetti comuni degli ambienti del cuore di una casa romana

archeologiavocidalpassato

Il rendering della prima sala della mostra “L’Arte di Vivere al tempo di Roma” che riproduce, nell’allestimento di Luigi Rafanelli, l’atrium di una domus pompeiana

Un gracidare di ranocchie sembra quasi fare festa per il nostro arrivo. Iniziamo dunque il nostro viaggio nel tempo e nello spazio. Siamo nell’atrio di una domus pompeiana (vedi https://archeologiavocidalpassato.wordpress.com/2017/08/07/larte-di-vivere-al-tempo-di-roma-ricreata-al-museo-isidoro-falchi-di-vetulonia-una-domus-pompeiana-con-cento-preziosi-reperti-dal-museo-archeologico-di-na/) ricreata nel museo civico Archeologico “Isidoro Falchi” di Vetulonia nella mostra “L’Arte di Vivere al tempo di Roma. I luoghi del tempo nelle domus di Pompei” (aperta fino al 5 novembre; catalogo de “L’Erma” di Bretschneider): “Le ranocchie che sentiamo ricordano quelle che popolavano l’impluvio”, spiega l’archeologa Luisa Zito, “la grande vasca nel cortile porticato della domus destinata alla raccolta dell’acqua piovana: qui in mostra l’impluvio è reso idealmente da un rettangolo disegnato sul pavimento musivo”. Attorno a noi pareti rosse, nere, ocra, dove si aprono vetrine che rappresentano le stanze cui si accedeva…

View original post 1.299 altre parole

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Note di swing

Nella sala adibita al ballo
brillavano gli occhi degli amanti
tra le note di un vecchio swing,
confluenze di sguardi
impassibili ad altre presenze
erano poesie d’amore,
le migliori che avessero
mai letto. Tutti osservavano
la loro squisita eleganza,
le lunghe collane di perle
sull’aderente vestito rosa,
i gemelli luccicanti
su impeccabili polsini
dal contrastante candore
su un gessato nero corvino,
i loro movimenti precisi
aggraziati dai luminosi sorrisi.
Eppure la cosa più bella
da scorgere in loro
era proprio quell’intesa,
di occhi puntati sugli occhi,
stelle di un altro cielo
in una galassia nel cosmo sospesa.
Chissà dove brilleranno ora.

Daniela Cerrato, 2017     (Immagine da web)

grammofono-orecchiete-swing

Pubblicato in Poesia, Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , | 2 commenti

Czardas di Vittorio Monti

Una splendida esecuzione di David Garrett con cui auguro a tutti un Buon Ferragosto 🙂

Pubblicato in musica, Senza categoria | Contrassegnato , , | 7 commenti

Con Euterpe ben si inizia, ma poi…

Stamane non ho alcuna preferenza, walzer ciaccona o minuetto, tu non badare a me dolce Euterpe, avvìati pure tranquilla, purchè col sorriso ed aria allegra si vada ad iniziare. Il sole fiero scalda il giorno che ancora si stiracchia, le finestre sono bocche spalancate, aperte sul mondo che appare silenziato,  le stanze assorbono ossigeno a pieni polmoni; destarsi di buon ora ha questo unico insostituibile vantaggio, far colazione con una fetta di calibrata bellezza tutta per sè, farcita di qualsivoglia sensazione. Un piacere che inizia in sordina, come lieve carezza, senza troppo incidere, proprio come la musica che lascia agli uccelli la voce di coro o solista.
Nel frattempo vanno aprendosi varchi di luce colorata e i primi pensieri dedicati, seppure ancor fiacchi; poi ci saranno le notizie del giorno a smorzare l’incanto, come sempre qualche venefica folata spezzerà ogni leggerezza, così, giusto per ricordarci la specie cui apparteniamo, alla quale per timore anche le farfalle si tengono lontane. E non hanno torto.

Daniela Cerrato, 2017

Raoul Dufy (1877-1953)

Raoul Dufy (French, 1877-1953)

Pubblicato in Racconto breve, Riflessioni, Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , | 5 commenti

Un pensiero… fotografando

Simboliche geometrie
rette secanti severe
d’antica sofferenza
Non c’è via di fuga
per l’anima ch’è chiamata
in mistica raccolta.

Daniela Cerrato, 2017 / Foto personale

P1090790 c

Pubblicato in Poesia, Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Scorre veloce l’estate

Scorre veloce l’estate
di vestiti leggeri,
di ciabatte perse
nella sabbia rovente,
di profumo di cocco
creme doposole fruttate
e granite alla menta,
di palloncini lasciati
sfuggire nel cielo,
di aquiloni rossi
come fette d’anguria,
di tormentoni, di note
e camicie di seta.
Anche tu scivoli via
leggera solare allegria
col vento nei capelli,
occhiali specchiati

e luccicanti gingilli.
Scorre veloce l’estate,
ha il tempo di un gelato
sciolto sulla lingua,
piacevolmente gustato,
e tra breve rimarrà vuoto
quel cono da riempire
con gli ultimi raggi di sole.

Daniela Cerrato, 2017

summer

Pubblicato in Poesia, Senza categoria | Contrassegnato , , , , , | 4 commenti

“Se intatti silenzi” – di Italo Bonassi

In te ancora m’acquieto,
mio amore, se intatti silenzi
serba il ricordo dei giorni,
degli anni. Ritorna,
riaffiora dal ciglio dall’onda,
la schiuma, la voce del tempo.
E se corro a riprenderti,
e stanchi echi il grido
chiama in cieli non più miei,
chissà se mi ode il mare,
se onde di poesia mi mena
questo strazio di albatri.

SE INTATTI SILENZI (da https://italobonassi.wordpress.com/2017/08/12/le-poesie-del-12-agosto/)

454

Pubblicato in Poesia, Senza categoria | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Di qui passarono alcuni maestri della pittura

Sennelier

Questa è una foto d’epoca, dei primi ‘900, dello storico negozio di colori parigino Sennelier,attivo ancor oggi in Quai Voltaire.
I pittori europei fino alla metà del ‘700 si procuravano i pigmenti in farmacie ben fornite dove trovavano anche spezie resine e minerali importati dall’Oriente e dall’Africa. Poi iniziarono ad esserci a Parigi negozi specializzati solo in colori, definiti appunto Marchands de Couleurs, che rapidamente si moltiplicarono a diventare circa 600 a fine ‘800. Nel 1887 Gustave Sennelier ne aprì uno in cui inizialmente vendeva vernici pronte; poi passò a creare la propria gamma di colori, macinando e miscelando i pigmenti nel suo laboratorio, creando sfumature a richiesta per pittori che iniziarono a rifornirsi nel negozio di Quai Voltaire n°3, come Gauguin, Soutine e Bonnard, per citarne alcuni dei più importanti.
Pare che Degas entrato nel negozio per acquistare dei pastelli nelle varie tonalità del marrone suggerì al proprietario di creare altre svariate sfumature della stessa tinta; così salirono a una trentina le tonalità di marrone utilizzate dal pittore. Nel 1948 Henri Sennelier fu contattato da Picasso che gli chiese di creare un colore già pronto da utilizzare su qualsiasi superficie; e Henri creò i pastelli ad olio, dal pigmento prevalente di cera che Picasso poi iniziò ad utilizzare.E come lui Modigliani, Kandinsky, Chagall e Dalì. La fortuna di questo negozio perdura tuttora,la sua storia si tramanda da quattro generazioni.

magazin2interno del negozio a inizio ‘900marque de fabrique déposée le 29 décembre 1890 par Gustave Sennelie  EPOQUE3EPOQUE4

Pubblicato in Arte, Cultura varia, Senza categoria | Contrassegnato , , , , , | 4 commenti

Il carattere unico della fotografia

https://www.fotografareindigitale.com/2017/07/carattere-unico-della-fotografia

Pubblicato in Cultura varia, Fotografia, Senza categoria | Contrassegnato , | Lascia un commento